83 milionari chiedono ai governi di aumentargli le tasse per finanziare i sistemi sanitari e le scuole in crisi - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
83 milionari chiedono ai governi di…
12 immagini di scoiattoli così teneri ed imbranati che ci fanno venir voglia di vivere come loro Una coppia trasforma una vecchia casa in un'abitazione autosufficiente: produce energia, cibo e acqua

83 milionari chiedono ai governi di aumentargli le tasse per finanziare i sistemi sanitari e le scuole in crisi

15 Luglio 2020 • di Simone Fabriziani
1.809
Advertisement

83 tra i milionari più potenti ed influenti del mondo hanno pubblicato una lettera firmata in cui esortano le amministrazioni e governi del Pianeta ad aumentargli le tasse. Sì, esatto, questi "ricconi" del pianeta hanno chiesto di "pagare" di più per dare una mano concreta nel risollevare le economia mondiali dall'imminente crisi causata dalla pandemia globale da Covid-19. In una lettera aperta intitolata "Millionaires for Humanity", il gruppo ha chiesto un cambiamento "permanente", avvertendo che l'impatto della pandemia durerà per decenni. "

via: CBS News
immagine: Unknown/Wikimedia

"Oggi, noi sottoscritti milionari, chiediamo ai nostri governi di aumentare le tasse nei nostri confront. Immediatamente. Sostanzialmente. Permanentemente", ha esortato la lettera. I firmatari includono artisti del calibro degli eredi Disney Abigail e Tim Disney, Jerry Greenfield, co-fondatore di Ben & Jerry e il regista Richard Curtis.

I firmatari hanno sottolineato che un aumento fiscale permanente delle persone più ricche del pianeta aiuterà a "finanziare adeguatamente" i sistemi sanitari, le scuole e la sicurezza. La lettera aperta inizia con queste parole:"Mentre il Covid-19 colpisce il mondo, milionari come noi hanno un ruolo fondamentale nella guarigione del nostro mondo. No, non siamo noi a prenderci cura dei malati nei reparti di terapia intensiva. Non stiamo guidando le ambulanze che porteranno i malati agli ospedali. Non stiamo rifornendo gli scaffali dei negozi di alimentari o consegnando cibo porta a porta, ma abbiamo molti soldi. Soldi che sono disperatamente necessari ora e continueranno a essere necessari negli anni a venire, poiché il nostro mondo si riprenderà da questo crisi.

immagine: Prayitno/Flickr

"L'impatto di questa crisi durerà per decenni. Potrebbe spingere mezzo miliardo di persone in più nella povertà. Centinaia di milioni di persone perderanno il lavoro man mano che le aziende chiudono, alcune in modo permanente. Già, ci sono quasi un miliardo di bambini fuori dalla scuola, molti senza accesso alle risorse di cui hanno bisogno per continuare il loro apprendimento. E, naturalmente, l'assenza di letti ospedalieri, maschere protettive e ventilatori è un doloroso, quotidiano promemoria del investimenti inadeguati realizzati nei sistemi di sanità pubblica in tutto il mondo. I problemi causati e rivelati da Covid-19 non possono essere risolti con la carità, non importa quanto generosi. I leader del governo devono assumersi la responsabilità di raccogliere i fondi di cui abbiamo bisogno e spendere equamente."

La lettera di questi 83 milionari attorno al globo, tra cui firmatari da Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Canada e Nuova Zelanda, è una vera e propria mano tesa ai governi di tutto il mondo alle prese con onerose manovre finanziarie per risollevare i propri paesi dal baratro causato dalla pandemia.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie