5 dettagli nascosti in famosi capolavori della pittura a cui non tutti fanno spesso attenzione - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
5 dettagli nascosti in famosi capolavori…
Queste originali piante succulente hanno delle foglie che ricordano dei magici cristalli trasparenti Un ragazzo italiano di 16 anni ha inventato un gelato per chi soffre del morbo di Crohn

5 dettagli nascosti in famosi capolavori della pittura a cui non tutti fanno spesso attenzione

19 Maggio 2020 • di Simone Fabriziani
4.854
Advertisement

Le opere d'arte non finiscono mai di stupirci; staremmo ore impalati a guardare e ad ammirare i più grandi capolavori dell'architettura, della scultura, della pittura. Grandi insegnamenti di genio e talento, a volte però sono dei veri e propri tesori di misteri da decodificare, svelare, venirne a conoscenza. Vi presentiamo 5 capolavori assoluti dell'arte pittorica di grandi artisti celebrati del passato di cui però non conoscevate sicuramente alcuni dettagli nascosti...

Vincent Van Gogh e il "giallo" nelle sue opere

immagine: Wikimedia

Come avrete notato, moltissimi dei dipinti di Vincent Van Gogh sono nettamente dominati dal colore giallo, in molteplici varianti; conseguenza ovviamente delle sue visite in luoghi in cui la Natura esprimeva il massimo della sua bellezza offrendo campi di grano, girasoli in fiore, notti stellate. Eppure, la teoria del professor Paul Wolf suggerisce che l'uso predominante di questo colore potrebbe essere dovuto all'effetto collaterale di un medicinale per curare l'epilessia di cui Van Gogh era spesso vittima; questo medicinale cambiava spesso la percezione dei colori stessi.

Leonardo da Vinci e il sorriso enigmatico della Gioconda

immagine: Wikimedia

Sono innumerevoli le teorie e i misteri che si sono addensati attorno alla genesi del ritratto più celebre di tutti i tempi, ma forse la congettura più interessante e curiosa l'ha fatta il dentista ed esperto di storia dell'arte Joseph Borkowski; secondo la sua teoria, il mistero che si cela dietro il sorriso di Donna Lisa Gherardini sta nel fatto che probabilmente la nobildonna aveva perso i denti anteriori, e quindi l'espressione facciale enigmatica immortalata da Leonardo è dovuta proprio alla conseguente conformazione particolare delle labbra superiori.

Advertisement

Reembrandt e la sua misteriosa "Ronda di Notte"

immagine: Wikimedia

Forse tutti non sanno, e questo è stato già ampiamente comprovato da moltissima critica dell'arte del passato, che il celebre quadro di Rembrandt "La ronda di notte", in realtà non è un dipinto la cui azione si svolge in un contesto notturno, nonostante i colori freddi e scuri che ha usato l'artista. Durante un restauro avvenuto tra il 1946 e il 1947, è venuto fuori uno strato di sporco che era proprio la causa di quell'ambientazione ritenuta notturna; i rimaneggiamenti hanno invece portato letteralmente alla luce dei colori nascosti che comprovano un uso della luce...diurna!

Picasso e il dipinto dentro il dipinto

immagine: Wikimedia

Se ammirate attentamente il dipinto "Il vecchio chitarrista cieco" di Pablo Picasso, noterete una dettaglio scioccante e curioso: oltre lo strato di colori della testa del soggetto maschile si "nasconde" la sagoma di una donna. Ciò è venuto fuori dopo un esame ad infrarossi grazie al team dell'Art Institute di Chicago; molto probabilmente Picasso non aveva abbastanza soldi per comperare un nuovo telo per dipingere il ritratto del chitarrista, così ha dovuto fare di ristrettezza...virtù!

Michelangelo e l'anatomia umana nascosta nella Cappella Sistina

immagine: Wikimedia

Uno dei più grandi capolavori della pittura di tutti i tempi si trova tra le pareti e la volta della Cappella Sistina; l'opera magna di Michelangelo è ricca però di significati nascosti, come ad esempio la sua predilezione per l'anatomia umana e suoi significati allegorici. Ad esempio ne "La separazione della luce dall'oscurità", Michelangelo sembra aver nascosto le forme di un cervello umano visto da sotto e che si sovrappone al collo di Dio. Un'ipotesi suffragata dalla ricerche di Ian Suk e Rafael Tamargo, esperti di neuroanatomia della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora; i due hanno pubblicato un documento sulla rivista scientifica Journal of the American Medical Association dove si suggerisce che probabilmente, Michelangelo abbia voluto nascondere l'idea che Dio abbia donato all'uomo non solo la vita ma anche l'intelletto.

Conoscevate queste curiosità legate ai misteri e ai significato nascosti delle opera d'arte del passato?

Tags: ArteCuriosiStoria
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie