Un'azienda ha sviluppato una speciale "plastica" a base vegetale in grado di decomporsi nel giro di un anno - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un'azienda ha sviluppato una speciale…
Congo, 12 ranger e 4 civili uccisi in un terribile agguato: da anni difendevano i gorilla dai bracconieri 18 foto di cani XXL che non hanno davvero idea delle dimensioni del proprio corpo

Un'azienda ha sviluppato una speciale "plastica" a base vegetale in grado di decomporsi nel giro di un anno

19 Maggio 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
2.101
Advertisement

L'inquinamento causato dalla plastica è uno dei problemi più gravi e sentiti dei nostri tempi. La sensibilizzazione sul tema non manca e, per fortuna, sono molte nel mondo le persone e le realtà istituzionali che si stanno pian piano rendendo conto di quanto sia importante ridurre il più possibile la dispersione di materiali plastici difficilmente degradabili nell'ambiente.

L'impegno, però, non è mai abbastanza, e deve partire dai gesti e dalle abitudini quotidiane di ognuno di noi. Ecco perché non mancano le aziende che ripensano in chiave green anche gli oggetti più comuni, rendendoli - con trovate ingegnose - amici del Pianeta. In questo senso, gustare una Coca-cola o una birra in contenitori a base vegetale potrebbe presto diventare una realtà diffusa.

immagine: Avantium/Facebook

La società biochimica olandese Avantium ha sviluppato un materiale totalmente amico dell'ambiente. Di cosa si tratta? Semplice, nella sua genialità: un composto a base 100% vegetale che verrebbe utilizzato come rivestimento protettivo all'interno di bottiglie in cartone, che sostituirebbero plastica e derivati nella conservazione delle bevande.

L'innovativo materiale, secondo quanto annunciato dall'azienda, è in grado di decomporsi del tutto nel giro di un solo anno, ed è prodotto grazie all'uso di zuccheri vegetali, eliminando del tutto i combustibili fossili. Una sorta di "plastica non plastica", dunque, che mira a ridurre drasticamente le emissioni dei processi produttivi e l'impatto sull'ambiente dopo l'uso.

immagine: Pxhere

La cosa che rende piuttosto fiduciosi su un probabile utilizzo diffuso di questi contenitori è l'appoggio che ha ricevuto dal colosso Coca-Cola, che ha chiesto ad Avantium di mettere a punto il materiale affinché possa essere sufficientemente resistente anche per contenere bevande gassate. La speranza è di trovare i contenitori a base vegetale sugli scaffali dei negozi entro il 2023: secondo quanto previsto, dovrebbero inizialmente contenere sia la Coca-cola che la birra Carlsberg.

L'obiettivo di Avantium, tuttavia, è di spingere sugli investimenti e lo sviluppo su larga scala, allargando di molto il range di aziende interessate a proporre i loro prodotti all'interno della nuova "plastica". Produrre materiali d'uso comune partendo da fonti sostenibili è un obiettivo necessario e perseguibile, se vogliamo cominciare davvero a dimostrare un po' di cura in più per l'unico, meraviglioso ambiente che ci ospita.

Advertisement
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie