"Sarà come tornare indietro nel tempo": Il Covid potrebbe innescare il più grande calo di CO2 dal Dopoguerra - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
"Sarà come tornare indietro nel tempo":…
Dipinge un gigantesco murales al contrario: quando si riflette sull'acqua del fiume mostra la sua bellezza L'acquario è chiuso per il Covid: i delfini vedono un bradipo e non riescono a contenere il loro stupore

"Sarà come tornare indietro nel tempo": Il Covid potrebbe innescare il più grande calo di CO2 dal Dopoguerra

09 Aprile 2020 • di Simone Fabriziani
19.849
Advertisement

Si, la pandemia globale innescata dal diffondersi del Coronavirus potrebbe avere degli inaspettati effetti positivi sullo stato di salute del nostro Pianeta e sul livello di inquinamento della nostra atmosfera, con numeri al ribasso che potrebbero eguagliare se non battere quelli registrati negli anni '40 al termine della Seconda Guerra Mondiale. Lo afferma Rob Jackson, presidente del Global Carbon Project, che produce stime annuali sulle emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera.

immagine: Pixabay

Rob Jackson afferma che che la produzione di anidride carbonica potrebbe diminuire di oltre il 5% su base annua, il primo calo importante dopo la riduzione dell'1,4% avvenuta all'indomani della la crisi finanziaria del 2008. Jackson dice, " Non sarei scioccato nel vedere un calo del 5% o più delle emissioni di anidride carbonica quest'anno, qualcosa che non si vedeva dalla fine della seconda guerra mondiale."

Rob Jackson inoltre aggiunge, "Né la caduta dell'Unione Sovietica né le varie crisi petrolifere o di risparmio e di prestito degli ultimi 50 anni hanno probabilmente influenzato le emissioni così come questa crisi."

immagine: Pxhere

Dopo che le emissioni mondiali di gas a effetto serra sono diminuite a seguito della crisi finanziaria globale del 2007-2008, secondo il Professor Jackson, sono aumentate del 5,1% nella successiva ripresa; un dato che è la concausa logica dell'emergenza sanitaria senza precedenti che ha costretto le persone a casa; in questo periodo, i paesi di tutto il mondo hanno registrato notevoli miglioramenti nella qualità dell'aria a causa dell'effetto di chiusure e stop che hanno in gran parte fermato i viaggi e chiuso l'attività industriale.

Ma li esperti avvertono: senza una grande riorganizzazione strutturale delle economie, le riduzioni delle emissioni causate dal coronavirus potrebbero essere di breve durata e avere un impatto limitato sulle concentrazioni di biossido di carbonio che si sono accumulate nell'atmosfera nel corso di decenni.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie