Un uomo ha clonato la targa dell'ex moglie e ha sfrecciato per giorni davanti agli autovelox della città - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un uomo ha clonato la targa dell'ex…
Uno studio dimostra che chi apprezza lo humor nero tende ad essere più intelligente e meno aggressivo degli altri Un pompiere e un koala guardano impotenti le fiamme che distruggono un vigneto in Australia

Un uomo ha clonato la targa dell'ex moglie e ha sfrecciato per giorni davanti agli autovelox della città

25 Dicembre 2019 • di Claudia Melucci
3.371
Advertisement

Alcune relazioni sono destinate a finire e per quanto possa provocare dispiacere, bisogna farsene una ragione. Qualcuno avrebbe dovuto dire questo all'uomo italiano di Piacenza che ha covato una vendetta "salata" per la moglie che lo aveva lasciato qualche tempo prima. L'uomo ha clonato la targa dell'ex compagna e si è divertito a sfrecciare davanti agli autovelox della città. Un piano non troppo perfetto, che infatti si è concluso col suo arresto.

via: Ansa

Risale al 2011 la vicenda tragicomica che vede protagonisti un uomo geloso della fine del suo matrimonio e una donna che ha deciso di cambiare vita. L'uomo, non accettando la decisione della moglie, ha pensato bene di giocarle un brutto scherzo.

L'uomo, un operaio piacentino di 35 anni, ha clonato artigianalmente la targa dell'auto della moglie, si è fatto prestare un'auto analoga da un amico, e ha sfrecciato per giorni davanti agli autovelox posizionati in città. 

immagine: mooseberry/Flickr

Alla donna sono iniziati ad arrivare fiumi di multe per alta velocità, che insieme superavano la soglia del 1500 euro. La donna, sicura di non essere stata l'autrice delle infrazioni, si è subito recata dai Carabinieri per denunciare il fatto.

È stato solo visualizzando le foto scattate degli autovelox che anche i Carabinieri hanno potuto constatare che effettivamente la donna non c'entrava nulla: l'auto incriminata, infatti, mostrava solamente 3 porte e non 5 come quella della donna. Avviando le indagini, e grazie ai sospetti della donna, i Carabinieri sono riusciti a risalire all'ex marito, che non potendo negare il vero ha ammesso le sue colpe.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie