Secondo il WWF, ogni minuto finiscono nel Mar Mediterraneo 34.000 bottigliette di plastica - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Secondo il WWF, ogni minuto finiscono…
Dopo Artico, Amazzonia e Africa, brucia anche l'Indonesia: i roghi servono per produrre olio di palma L'albero più vecchio d'Europa si trova in Italia: tutti i segreti di Italus

Secondo il WWF, ogni minuto finiscono nel Mar Mediterraneo 34.000 bottigliette di plastica

1.188
Advertisement

Un vero e proprio dato agghiacciante quello che il WWF ha reso pubblico l'8 giugno 2019, quando sono cadute le celebrazioni in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani: secondo i dati dell'organizzazione internazionale, ogni anno nel Mar Mediterraneo vengono versate circa 570.000 tonnellate di plastica, pari all'incirca a 34.000 bottigliette di plastica al minuto. Un dato preoccupante che non fa altro che aprirci ancora di più gli occhi sull'annoso problema dell'inquinamento ambientale.

via: BBC

Lo stesso rapporto del WWF afferma che, entro il 2050, anno in cui è previsto un tracollo della sostenibilità nel nostro pianeta, il numero di plastiche e micro-plastiche nei mari e negli oceani del pianeta potrebbe superare quello degli stessi pesci, ed una delle cause maggiori di questa drammatica situazione nel Mar Mediterraneo risiede nella vicina Italia, che ogni anno produce circa e 4 milioni di tonnellate di rifiuti plastici, e ne riversa nell'ambiente circa mezzo milione, perlopiù da oggetti legati all'industria degli imballaggi.

immagine: Pixabay

Con i suoi 7.500 chilometri di costa, l'Italia è anche la prima nazione nel Bacino del Mediterraneo a pagarne le conseguenze; nei mesi estivi, la produzione di plastiche di vario tipo incrementa del 30% a causa dell'afflusso di turisti e visitatori, lasciando luoghi incontaminati e spiagge invase letteralmente da rifiuti non degradabili in Natura. Secondo un rapporto della Legambiente italiana dal nome "Beach Litter 2019", si è calcolato che ogni 100 metri di spiaggia ci sono circa un migliaio di oggetti di vario tipo, l'80% di questi rappresentato da plastiche di varia natura.

Un dato sconcertante e drammatico che richiede maggiore attenzione da parte delle organizzazioni internazionali, delle amministrazioni preposte che si affacciano nel bacino del Mar Mediterraneo affinché il futuro delle nostre spiagge, e dei nostri mari, sia un po più blu.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie