Ecco 7 motivi per cui non dovresti MAI pubblicare le foto dei tuoi bambini - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Ecco 7 motivi per cui non dovresti MAI…
Finzione o realtà? Questi 14 scatti hanno colto momenti e fenomeni davvero unici! Dal 1970 ad oggi il numero degli animali che vivono nelle foreste tropicali si è dimezzato

Ecco 7 motivi per cui non dovresti MAI pubblicare le foto dei tuoi bambini

42.156
Advertisement

Una volta, fare foto ai bambini voleva dire immortalare i momenti più significativi per poi mostrarli a parenti e amici di famiglia. Oggi non è più così: i bambini vengono ritratti in ogni momento della giornata e le foto sono diffuse, attraverso i social network, su larga scala.

Negli Stati Uniti è stato addirittura coniato un termine per questo uso eccessivo delle foto sui social network: sharenting. Ma questo modo di fare può solo nuocere ai nostri bambini. Ecco perché.

immagine: Unsplash

1. Alcune immagini possono diventare un pretesto per atti di bullismo

Secondo "Stop Bullying", un'associazione statunitense contro il bullismo, il 70% dei ragazzi ha assistito almeno una volta ad atti violenti perpetrati contro altri ragazzi. Le foto che ritraggono il bambino bullizzato da piccolo, trovate in rete, rappresentano spesso il pretesto più facile da utilizzare.

2. I malintenzionati possono usare le immagini riguardanti gli hobby di tuo figlio

A tutti i genitori piace mostrare quanto il proprio figlio sia in gamba. Ecco perché pubblicano foto dei figli mentre eccellono nelle olimpiadi di matematica o negli sport. Tuttavia, queste immagini, se rese pubbliche, sono facile bersaglio di malintenzionati che, scoperto come avvicinare i ragazzini, non si faranno scrupolo d'usare queste conoscenze sui loro hobby.

immagine: Unsplash

3. Le foto di tuo figlio possono essere usate per raccogliere denaro

Chi è in cattiva fede fa di tutto per accumulare soldi illegalmente. È stato scoperto che alcuni criminali cercano su internet foto di bambini tristi da usare per chiedere donazioni per le cure di un bambino malato.

4. Un utente malintenzionato può accedere al tuo account o a quello di tuo figlio

Ogni secondo, circa 95 password e account vengono rubati. Chi pubblica informazioni personali su internet è più a rischio. Soprattutto chi utilizza il nome dei propri figli come password per i profili dei social network e, allo stesso tempo, pubblica informazioni sui propri bambini può essere facilmente hackerato.

5. Le foto dei bambini semi-vestiti sono a rischio su internet

La società australiana Office of the Safety Commissioner, che si dedica alla sicurezza online, ha scoperto un sito per adulti con 45 milioni di foto di bambini. Queste foto erano state racimolate qua e là sui social network.

Advertisement
immagine: Pixabay

6. Mai pubblicare dati sugli spostamenti di tuo figlio

Pubblicare dati sulla scuola o sulla palestra che tuo figlio frequenta può essere molto rischioso: i malintenzionati utilizzano queste informazioni per fingersi amici di famiglia e rapire i bambini. In un esperimento sociale, alcuni attori si comportavano come rapitori di minori. È stato constatato che, dopo poche battute, quasi tutti i bambini erano disposti a seguire i "rapitori" ovunque li portassero.

7. Le immagini dei tuoi figli possono essere utilizzate per scopi commerciali

Il giornalista Dmitry Tokmetsis e il designer Yuri Virman hanno deciso di condurre un esperimento sociale: hanno selezionato alcune foto di bambini su Flickr e hanno lanciato un sito Web in cui vendevano tazze con le loro immagini sopra. Le foto su Flickr vengono pubblicate con licenza Creative Commons. Per questo, quando un'azienda usa le immagini pubbliche di Flickr non sta violando alcuna legge.

Rendere pubbliche le foto di un bambino può essere molto pericoloso per la sua incolumità. Evitalo quanto più puoi!

Source:

Tags: BambiniUtili
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie