Gli antichi egizi misuravano il livello del Nilo per prevedere l'abbondanza del raccolto annuale - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Gli antichi egizi misuravano il livello…
Uno studente di 17 anni ha scoperto come eliminare le microplastiche dall'acqua usando un magnete In Siberia è andata in fumo un'area grande più del Portogallo, e il governo non ha fatto (quasi) nulla

Gli antichi egizi misuravano il livello del Nilo per prevedere l'abbondanza del raccolto annuale

1.254
Advertisement

Il Nilo, con i suoi affluenti (il Nilo Bianco e il Nilo Azzurro), e con i suoi quasi 7 mila chilometri di lunghezza è, insieme al Rio delle Amazzoni, il fiume più lungo del mondo. Nel corso della storia, grazie al suo fertile limo, ha alimentato l'Africa Nord-orientale: gli attuali Sudan, Etiopia ed Egitto. Dal Nilo sono dipese tutte le civiltà che si succedettero nel controllo della regione. Per questo era molto importante monitorare il livello delle sue acque: da quelle dipendeva il raccolto.

Le più importanti civiltà antiche devono la loro comparsa e la loro prosperità al Nilo. Per esempio, la civiltà dei faraoni egizi e quella degli imperatori romani, due delle più grandi di tutti i tempi. Per questo motivo, entrambe fecero costruire decine di nilometri, ossia strutture usate per misurare l'altezza delle piene del fiume e poter così prevedere gli andamenti dei raccolti. Lo scopo era ricavare informazioni sulle attività agricole, che si supponeva fossero proporzionate all'entità delle piene, in modo da tassare le entrate ed evitare carestie.

immagine: Baldiri/Wikimedia

I nilometri potevano essere delle semplici scale, in cui ogni gradino corrispondeva ad un certo livello di piena, pozzi o vere e proprie strutture molto raffinate che contenevano scale per la misurazione delle piene. I nilometri più importanti furono realizzati sull'isola di Elefantina (un'isola che si trova al centro del Nilo, di fronte ad Assuan, poco dopo la prima cateratta) e sull'Isola di Roda (un'isola sita nel fiume Nilo, ad ovest della città del Cairo).

Advertisement
immagine: Flickr

Gli strumenti ideati dagli egizi e dai romani si rivelarono così efficaci e precisi da rimanere in uso fino al Novecento. Nel 1970, quando il governo egiziano, aiutato dall'Unione Sovietica e grazie agli introiti derivanti dall'apertura del Canale di Suez, costruì la Diga di Assuan (che mitigò in modo decisivo i livelli del fiume Nilo), l'ultimo nilometro fu abbandonato.

Oggi quegli strumenti non sono più utilizzati, ma di essi restano le meravigliose costruzioni che vale la pena andare a visitare.

Tags: CuriosiStoriaLuoghi
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie