Il figlio che ti fa infuriare di più è quello che più ti assomiglia: una psicologa ci spiega perché - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il figlio che ti fa infuriare di più…
15 ponti spettacolari che dovreste visitare almeno una volta nella vita Questo carcere ha affidato dei gatti randagi ai detenuti e l'iniziativa ha cambiato la vita di entrambi

Il figlio che ti fa infuriare di più è quello che più ti assomiglia: una psicologa ci spiega perché

93.586
Advertisement

In una famiglia, soprattutto se numerosa, i litigi e le tensioni sono all'ordine del giorno. Da una parte c'è la routine della quotidianità con i suoi piccoli imprevisti, che possono far scaldare facilmente gli animi; dall'altra ci sono le fasi di crescita dei più piccoli, che li portano a mettere in atto meccanismi di opposizione nei confronti dei genitori o dei fratelli.

Dal canto loro, i genitori dovrebbero (almeno in teoria) sforzarsi di comportarsi allo stesso modo con tutti i figli, favorendo la loro unicità ma facendoli sentire uguali rispetto alle regole della casa e alle attenzioni che ricevono. Eppure, come afferma Marta Segrelles del Collegio ufficiale degli psicologi in Catalogna, Spagna, anche i genitori sono umani, e possono mettere in atto i cosiddetti meccanismi di proiezione.

immagine: Max Pixel

La proiezione è una forma di difesa della mente umana. Essa si verifica quando attribuiamo a qualcun altro (proiettiamo, appunto) atteggiamenti o pensieri che in noi stessi non possiamo tollerare, poiché ci provocherebbe grande ansia e forte stress.

Trasferire sull'altro ci permette di spostare l'attenzione e prendere le distanze: tutti processi che di certo non ci aiutano a superare quel limite, ma semplicemente lo nascondono sotto il tappeto, buttandolo addosso ad un individuo esterno a noi.

Ebbene, secondo la psicologa, questo atteggiamento è alla base di molte tensioni tra genitori e figli. Questi ultimi comprensibilmente tendono ad imitare le figure adulte che hanno intorno; fin da quando sono piccoli osservano i genitori nelle varie situazioni di vita e lentamente tendono a fare propri molti loro atteggiamenti - sia positivi che negativi.

Da qui il meccanismo di proiezione: il padre o la madre tendono ad infuriarsi molto di più con il figlio in cui riconoscono dei tratti che già odiano in loro stessi. Anche i genitori infatti, essendo esseri umani, hanno un passato e delle questioni irrisolte: si può trattare di rimpianti, di rimorsi, di scelte sbagliate e di atteggiamenti di cui ci si vergogna ma che non si è mai riusciti a cambiare. E quando percepiscono la presenza di queste caratteristiche in un figlio, non possono tollerarle e reagiscono con estrema rabbia, proiettando sul figlio la disapprovazione che vorrebbero invece dirigere contro se stessi.

Advertisement

Sempre secondo la psicologa, se il problema (che in forme lievi è del tutto normale) arriva a creare contrasti e malesseri eccessivi, i genitori dovrebbero porvi rimedio. Per farlo, devono scindere tra la voglia (sana) di indirizzare i loro figli verso ciò che è giusto e la necessità (malsana) di pareggiare i conti con i propri scheletri personali stigmatizzando la personalità dei figli.

Questo procedimento di chiusura con il passato - e di confronto (senza intermediari che facciano da specchio) con i propri limiti - può essere attuato già solo con una riflessione consapevole e schietta su se stessi. Se poi si tratta di questioni più complesse, ci si può sempre rivolgere ad un aiuto esterno, anche solo per una chiacchierata liberatrice.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie