In India esiste un tempio ricavato da un unico blocco roccioso: le sue immagini sono uniche al mondo - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
In India esiste un tempio ricavato da…
Arriva in Olanda la prima automobile elettrica che si può ricaricare grazie all'energia solare La NASA ha creato una mappa di tutti i pianeti conosciuti dall'uomo al di fuori del Sistema Solare

In India esiste un tempio ricavato da un unico blocco roccioso: le sue immagini sono uniche al mondo

9.040
Advertisement

Esiste un luogo nel mondo davvero suggestivo. Il suo nome è Ellora ed è situato nella regione del Maharashtra, nell'India centro-occidentale. Fin dai suoi albori Ellora è stata eletta a meta di pellegrinaggio, contemporaneamente, di tre importanti religioni asiatiche: buddhismo, brahmanesimo e giainismo. Si tratta di un complesso di 34 grotte con la funzione di templi e monasteri, che si estendono per oltre 2 Km. Di tutti e 34 i templi scavati nella roccia, ce n'è uno davvero speciale.

 

Il Tempio di Kailasa è una costruzione meravigliosa, in cui è possibile notare un'architettura davvero particolare, fatta di colonne e mura suggestive. Visitato alle prime luci dell'alba, prima del bagno di folla quotidiano, il tempio evoca immagini religiose davvero emozionanti. Con i suoi bassorilievi, le mura e le colonne istoriate e le sue statue simboliche, il Tempio di Kailasa affascina ogni visitatore.

Ma la costruzione rappresenta un vero e proprio esemplare unico nell'architettura. Infatti, Kailasa è l'unico tempio al mondo ricavato da un solo, enorme, monolite roccioso. Ancora di più: secondo gli studiosi, esso è stato ricavato scavando la roccia non orizzontalmente, come ci si potrebbe aspettare, ma verticalmente. Il tempio, quindi, è stato costruito da un solo ammasso roccioso scavando dall'alto verso il basso.

immagine: Pixabay

Il tempio fu eretto da Kishna I, re della dinastia Rashtrakuta, verosimilmente tra il 757 e il 783 d.c. Il fatto che un tempio così grande sia stato costruito con una tecnica così particolare, in un'epoca tutt'altro che tecnologica, ha dato adito a diverse teorie.

La leggenda

Secondo la leggenda, Kishna I era molto malato e la regina pregò Shiva (una divinità induista) di guarire il marito. La regina promise di edificare un tempio in suo onore e di osservare il digiuno fino alla fine della costruzione, se il re fosse guarito. Shiva ascoltò la preghiera. I sudditi erano convinti che la regina sarebbe deceduta poiché il tempio avrebbe richiesto molto tempo per la realizzazione. Tuttavia, un architetto di nome Kokasa sbalordì tutti costruendo il tempio scavando un enorme monolite dall'alto verso il basso. Il tempio, secondo la leggenda, fu così costruito in una settimana.

Advertisement

La realtà

L'opinione comune tra gli studiosi è che la costruzione del tempio richiese 18 anni (anche se alcuni archeologi sono convinti che ce ne siano voluti quasi cento). Kishna I fece costruire il tempio per richiamare il Monte Kailash, la casa del dio Shiva, tanto che, per imitare i ghiacci del monte, fece dipingere l'edificio di bianco. Gli operai lavorarono probabilmente giorno e notte per rimuovere le oltre 300.000 tonnellate di materiale roccioso e dare vita al tempio così come lo conosciamo oggi. Come fecero? Questo resta, ancora oggi, un mistero.

Il Tempio di Kailasa è un luogo davvero affascinante ed evocativo che solo solo varrebbe tutti i soldi di un viaggio in India!

Advertisement
immagine: Cool_Spark/Flickr
Tags: CuriosiIndiaLuoghi
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie