Se avete a cuore i vostri figli, non dovreste dargli bevande gassate - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Se avete a cuore i vostri figli, non…
L'ultimo rinoceronte di Sumatra maschio è morto in Malaysia: l'estinzione è ormai dietro l'angolo Un semplice starnuto può

Se avete a cuore i vostri figli, non dovreste dargli bevande gassate

2.610
Advertisement

Quante volte è capitato che, nelle giornate estive più calde, una bevanda rinfrescante è quello di cui i nostri figli più piccoli hanno bisogno? Tutto sommato, un bicchiere fresco nella calura estiva non si rifiuta mai, eppure bisognerebbe evitare accuratamente il consumo di bibite gassate per il bene del nostro organismo. Sopratutto per i più piccini, e a confermare i timori ci ha pensato uno studio scientifico condotto dal farmacista Niraj Naik che ha rivelato che, consumare una bevanda gassata, equivale ad immettere nel proprio organismo 10 cucchiai di zucchero!

via: Daily Mail
immagine: Pixabay

Ecco cosa succede al nostro corpo subito dopo aver consumato una bibita non esattamente salutare:

  • Dopo 10 minuti: l'acido fosforico colpisce lo smalto dei denti mentre l'organismo risponde all'immissione della bevanda trattandola come zucchero trasformato
  • Dopo 20 minuti: il fegato lavora di più per trasformare lo zucchero in eccesso in grassi e attraverso il sangue c'è una vera e propria esplosione di insulina, anch'essa costretta a lavorare maggiormente
  • Dopo 40 minuti: le pupille degli occhi si dilatano, la pressione sanguigna aumenta e i recettori dell'adenosina terminano di funzionare correttamente, non conciliando il sonno
immagine: Pxhere
  • Dopo 60 minuti: l'acido fosforico si mescola con il calcio, il magnesio e lo zinco nell'intestino tenue, e ciò stimola ulteriormente il metabolismo; la conseguenza di questi processi porta ad una "crisi" di zucchero e alla necessità di urinare

Secondo i consigli della British Nutrition Foundation bisognerebbe abbandonare il consumo di bibite con dolcificanti ed additivi industriali, sopratutto per i più piccoli, e aumentare la consapevolezza nei confronti del benessere che deriva dalle bevande naturali, fonti di idratazione ideale. Insomma, un segnale forte che ci mette in guardia verso le bevande estive più comuni, che forse è meglio sostituire con un bel bicchiere di acqua fresca nei momenti di maggior sete!

Source: 

Tags: BambiniUtiliSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie