Gli uomini che riescono a fare 40 piegamenti hanno una marcia in più: ecco cosa hanno scoperto i ricercatori - Curioctopus.it
x
Gli uomini che riescono a fare 40 piegamenti…
25 designer improvvisati che hanno lasciato traccia della loro scarsa competenza 10 segnali con cui un neonato ci comunica i suoi bisogni... senza usare le parole

Gli uomini che riescono a fare 40 piegamenti hanno una marcia in più: ecco cosa hanno scoperto i ricercatori

01 Marzo 2019 • di Giuseppe Varriale
3.767
Advertisement

Uno dei motivi per cui iscriversi in palestra è sicuramente quello di sviluppare al meglio la nostra muscolatura: irrobustire le nostre spalle, aumentare i nostri bicipiti, rinforzare il nostro petto e appianare il nostro addome. Essere capaci di fare qualche piegamento sulle braccia è un obbligo per chi vuole mantenere un fisico scolpito. Ma ben altre fortune sorridono a chi è capace di fare qualche flessione consecutiva in più.

Uno studio molto particolare ha messo infatti in relazione l’incapacità di fare piegamenti con la possibilità di incorrere in malattie cardiovascolari e ictus. Lo studio, condotto da ricercatori della Harvard T. H. Chan School of Public Health, ha preso in esame 1104 vigili del fuoco per 10 anni. Ogni anno ai pompieri è stato chiesto di svolgere dei piegamenti e di rispondere ad un questionario sulla loro salute. Alla fine dello studio, i ricercatori hanno evidenziato che, dei 37 vigili del fuoco con problemi cardiovascolari, solo uno rientrava nel gruppo degli uomini capaci di eseguire almeno 40 flessioni consecutive, mentre tutti gli altri si fermavano ben prima.

immagine: hoa.africom.mil

Justin C. Yang, ricercatore alla University of Cambridge e coordinatore dell’indagine, è convinto che lo studio dimostri che la capacità di fare flessioni consecutive sia un metodo semplice e gratuito per valutare il rischio di malattie cardiovascolari nei pazienti. In particolare, essere in grado di eseguire almeno 11 flessioni senza pausa porta a risultati positivi contro ictus e infarti.

Stefanos Kales, professore del Department of Environmental Health di Cambridge, ha asserito che l’analisi mostra quanto sia importante, per essere in buona salute, mostrare un ottimo stato di forma fisica e che i medici stessi dovrebbero valutare la muscolatura dei propri pazienti e consigliare loro di mettersi in forma per evitare problemi cardiaci poiché questi rappresentano ancora la maggior causa di morte a livello mondiale.

Non resta che armarci di buona volontà e iniziare i nostri allenamenti: dobbiamo farlo per il nostro cuore!

Tags: SportScienzaSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie