Chiedere di portare via gli avanzi al ristorante non è motivo di vergogna: rivela solo una profonda educazione - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Chiedere di portare via gli avanzi al…
Questi supermercati neozelandesi hanno eliminato quasi del tutto gli imballaggi dal reparto ortofrutta 19 adorabili cuccioli di Maine Coon che non aspettano altro di diventare giganti e affascinanti

Chiedere di portare via gli avanzi al ristorante non è motivo di vergogna: rivela solo una profonda educazione

3.940
Advertisement

Quanti di voi al termine di una cena al ristorante chiedono la doggy bag? Si tratta semplicemente del contenitore in cui vengono messi gli avanzi di ciò che non si è mangiato, non necessariamente per poterli dare al cane.

Chiedere al ristoratore di poter portare via gli avanzi è una questione di abitudine, ma il più delle volte entrano in gioco pregiudizi sociali inesistenti: c'è chi la considera una cosa volgare o che rivela una scarso benessere economico di chi la chiede.

Le associazioni che si battono per lo spreco di cibo, però, affermano che chiedere la doggy bag è solo questione di sensibilità nei confronti di una tematica molto attuale.

Secondo un sondaggio, la maggior parte di coloro che hanno l'abitudine di andare al ristorante non chiede la doggy bag perché si vergogna: portando gli avanzi a casa teme di far brutta figura con il ristoratore o con i commensali. 

La tendenza che si ipotizza per i prossimi tempi, però, è in controtendenza: una serie di fattori sociali – tra cui le politiche di sensibilizzazione agli sprechi – hanno portato le persone ad essere più attente a buttare il cibo, anche fuori casa.

Ecco che allora si prospetta un uso sempre più frequente della doggy bag o del contenitore per gli avanzi che dir si voglia: una tendenza che coinvolge soprattutto le generazioni più giovani che, a differenza di quelle precedenti, non tendono a mangiare oltre il senso di pienezza pur di non lasciare qualcosa nel piatto.

La doggy bag è nata negli Stati Uniti alla fine degli anni '40 del secolo scorso e da allora ha resistito al passare del tempo: in altri paesi si tratta di qualcosa radicato nell'abitudine di andare a mangiare fuori, mentre altrove è una richiesta molto rara.

Il problema dello spreco di cibo non riguarda solo i direttori dei supermercati, i ristoratori o i titolari di attività commerciali: sta anche al consumatore fare in modo che ciò che non viene mangiato non venga buttato via.

Non abbiate timore di chiedere di poter portare via gli avanzi della serata! Non farà altro che dimostrare la vostra educazione. 

Tags: CiboAttualità
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie