Che cos'è quel dolore acuto al petto che si avverte di tanto in tanto? - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Che cos'è quel dolore acuto al petto…
10 fatti insoliti sulle persone intelligenti che gli studi psicologici hanno rivelato Gli scienziati arrivano ad una svolta nella ricerca dei batteri produttori di energia

Che cos'è quel dolore acuto al petto che si avverte di tanto in tanto?

31.715
Advertisement

Non è questione di essere ipocondriaci o meno: quando si avverte un dolore al petto, il pensiero va subito all'attacco di cuore. Si tratta chiaramente di un'auto-diagnosi molto incerta, che fortunatamente il più delle volte si rivela sbagliata. Ma allora, cos'è quel dolore acuto che si avverte a volte nel mezzo del petto, così forte da spezzare il respiro?

Sono molte le persone che avvertono questo tipo di disturbo almeno una volta nella vita. La buona notizia è che non ha nulla a che vedere con un attacco di cuore: si chiama sindrome di cattura precordiale.

immagine: maxpixel.net

Quando si manifesta il dolore, è davvero difficile pensare a qualcosa di diverso dall'infarto, soprattutto perché altera il ritmo del respiro e può durare anche una manciata di minuti: in preda alla paura, molte persone svengono o provano attacchi di panico, ma non sono conseguenze dirette della sindrome di cattura precordiale.

La sindrome di cattura precordiale è una condizione del tutto innocua: diversamente dall'infarto, il dolore che provoca al petto non si irradia agli arti superiore o al resto del tronco, ma rimane localizzato in un punto ben preciso. Di solito, il punto dolorante non è più grande delle punte di due dita e si trova davanti al cuore (precordiale significa proprio di fronte al cuore). Non si avvertono altri sintomi tipici dell'infarto, come la sensazione di confusione e nausea. 

immagine: maxpixel.net

Può essere difficile respirare normalmente, per questo si passa a compiere brevi respiri: qualcuno che ha sperimentato la sindrome riferisce che un respiro lungo e profondo ha spesso "rimesso tutto al suo posto".

La sindrome di cattura precordiale colpisce perlopiù individui giovani; bambini, adolescenti e adulti sotto i 30 anni. Non si conosce esattamente quale sia la causa scatenante del dolore, né c'è una terapia che può evitare il ripetersi degli episodi. Spesso la sindrome smette di presentarsi con il passaggio ad un'età adulta, senza lasciare danneggiamenti agli organi. Secondo gli esperti, una delle cause potrebbe essere l'irritazione dei nervi del rivestimento interno del torace. 

La sindrome di cattura precordiale è fonte di stress e preoccupazione per molte persone: se si dovesse verificare, è opportuno sottoporsi ad una visita medica per escludere qualsiasi altra complicanza. Spesso, comunque, è qualcosa che si fa sempre meno frequente col passare degli anni, e di cui alla fine ci si dimentica! 

Tags: UtiliSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie