La donna che in Malawi ha liberato 850 spose bambine e le ha fatte tornare a scuola - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La donna che in Malawi ha liberato 850…
Il Santuario della Verna: i passi di San Francesco d'Assisi tra natura e spiritualità Ecco come i cambiamenti climatici causarono la fine del primo impero del mondo

La donna che in Malawi ha liberato 850 spose bambine e le ha fatte tornare a scuola

15 Gennaio 2019 • di Laura Gagliardi
8.379
Advertisement

Quello che dovrebbe essere uno dei giorni più belli nella vita di una donna, in molte parti del mondo è invece quello più temuto; e questo perché non di donne si tratta, ma di bambine.

Il fenomeno delle spose bambine è purtroppo ancora oggi largamente diffuso, soprattutto in quelle parti del mondo meno sviluppate, dove secondo i dati delle Nazioni Unite, 1 ragazza su 3 si è sposata prima dei 18 anni.

Si tratta di tradizioni spesso ben ancorate al tessuto culturale; ecco perché quando è un'autorità locale ad opporsi al fenomeno, la notizia acquista un'importanza particolare – eccezionale, quando è donna. Ecco allora la storia di una personaggio eccezionale, Theresa Kachindamoto.

Theresa Kachindamoto era un alto dirigente del distretto di Dedza, in Malawi, uno dei paesi più poveri dell'Africa sub-sahariana; qui, nonostante i matrimoni infantili siano stati aboliti per legge nel 2015, il 42% delle ragazze fra i 20 e i 24 anni si è sposata prima dei 18 anni. L'estrema povertà, infatti, costringe i genitori a dare in sposa le proprie figlie assai presto, per alleggerire l'onere finanziario della famiglia. Esistono anche alcuni campi di iniziazione sessuale, in cui le ragazze apprendono i loro "doveri" coniugali, ma che spesso hanno finito per essere fonte di contagio di gravi malattie.

Una situazione che Theresa trovava disgustosa ed insostenibile, e che, una volta divenuta capo, ha deciso di abolire. Così ha costretto 50 dei suoi sottocapi a firmare un accordo per porre fine ai matrimoni infantili; quando 4 di essi, pur avendo firmato, hanno continuato a permettere questa pratica nei loro territori, Theresa li ha destituiti.

 

Durante il suo mandato in qualità di capo, Theresa ha annullato 850 matrimoni infantili, facendo in modo che le ragazze tornassero a studiare; inoltre, ha abolito i campi di iniziazione sessuale. Grandi risultati che ha ottenuto solo grazie alla sua determinazione e al suo coraggio, che l'hanno spinta ad andare avanti nonostante molti le intimassero di non toccare le tradizioni, arrivando anche alle minacce. Per tutto ciò, Theresa Kachindamoto è diventata un esempio da seguire per portare avanti battaglie per i diritti umani, contro ogni forma di oppressione e costrizione.

Tags: DonnePersonaggiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie