Un'azienda italiana mette a punto una tecnologia rivoluzionaria per produrre bioplastica dalla CO2 - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un'azienda italiana mette a punto una…
È la dottoressa più tatuata al mondo... e la prova che le persone non sanno guardare al di là dei tatuaggi Ecco perché le coppie realmente felici pubblicano di meno sui social network

Un'azienda italiana mette a punto una tecnologia rivoluzionaria per produrre bioplastica dalla CO2

2.051
Advertisement

Nasce in Italia una nuova impresa che si dedicherà ad un progetto di assoluta avanguardia: la produzione di biopolimeri a partire da anidride carbonica. L'obiettivo della Lux-On è quello di utilizzare esclusivamente energia da fonti rinnovabili per alimentare l'impianto e impiegare risorse naturali come materie prime.

La produzione di materiali polimerici a partire da CO2 ha un lungo passato di sperimentazioni internazionali, ma pochissimi casi di attività su grande scala. Ci proverà questa azienda neonata che può contare sulla competenza e sulla professionalità dei ricercatori italiani. 

immagine: Screenshot Youtube

Ci sono voluti anni di studi e sperimentazioni per arrivare alla possibilità di produrre bioplastica dall'anidride carbonica presente nell'atmosfera. Si tratta di un materiale naturale biodegradabile al 100%, che sfrutta la CO2 come fonte di carbonio.

Produzioni simili già esistenti vedono protagoniste altre materie prime naturali, come la barbabietola da zucchero, gli scarti organici, il glicerolo e l'olio esausto, ma ora l'attenzione è rivolta tutta alla CO2.

immagine: Hera

Il progetto nasce dalla collaborazione di due aziende esperte del settore, la Bio-On e il gruppo Hera; insieme faranno in modo di spostare un po' più in là il confine scientifico sulla produzione dei materiali biopolimerici. 

La Lux-on costruirà un impianto a Castel San Pietro Terme, a Bologna, entro la fine del 2019: sarà alimentato da fonti rinnovabili e al suo interno verranno installati i sistemi di cattura dell'anidride carbonica, alla base del ciclo produttivo.

Fonte:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie