Un'azienda potrebbe aver trovato il modo di produrre combustibile senza emettere Co2, partendo dalle acque reflue - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un'azienda potrebbe aver trovato il…
Questo ragazzo ha una gamba sola e ad ogni Halloween sfoggia un costume diverso: quello del 2018 è geniale Gli scienziati mostrano 11 rarissimi animali australiani... che sembrano usciti da un incubo

Un'azienda potrebbe aver trovato il modo di produrre combustibile senza emettere Co2, partendo dalle acque reflue

31 Ottobre 2018 • di Francesca Torino
10.473
Advertisement

L'Ingelia è un'azienda spagnola che si occupa di realizzare progetti ecosostenibili, utilizzando le risorse locali. Da dieci anni, sta sviluppando un nuovo processo di carbonizzazione idrotermica della biomassa, in grado di produrre un biocarburo, detto "biochar", dalle acque reflue, cioè quelle inquinate usate nelle industrie o nell'ambito domestico. Questo nuovo prodotto si comporta e brucia come il carbone, con l'unica e fondamentale differenza che non emette co2 nell'atmosfera durante il processo di produzione.

Questa invenzione dell'Ingelia potrebbe diventare una fonte di energia alternativa ai carburanti inquinanti.

Il clima del nostro pianeta, lo sappiamo, è a forte rischio e occorrono politiche decisive per cercare di risolvere questo annoso problema. La Commissione europea ha garantito che nell'intera Unione Europea si dovranno ridurre all'80% le emissioni di gas entro il 2050, mentre l'ONU afferma che il cambiamento che bisognerà fare dovrà essere fatto sia sul piano globale sia su quello sociale.

L'azienda spagnola potrebbe aver trovato una soluzione al problema climatico, che se venisse applicata a livello mondiale, rivoluzionerebbe non poco la raccolta delle energie combustibili. Il "biochar", infatti, promette molto bene fornendo un'energia molto più pulita di altre fonti usate, senza emettere Co2 nell'atmosfera e riutilizzando risorse inquinate che altrimenti andrebbero perse nell'ambiente. Inoltre, le sue polveri possono essere utilizzate come fertilizzate per la terra e anche per produrre biopolimeri e plastica.

Il "biochar" si ottiene attraverso un processo di conversione termochimica, o carbonizzazione idrotermica, dei rifiuti. Gli elementi chimici nocivi come zolfo, azoto e cloro, restano inglobati negli scarti inquinanti, permettendo così al biocarburo di uscire fuori. Quest'ultimo ha in tutto e per tutto l'aspetto del carbone e di forma cilindrica.

Il prodotto dell'Ingelia vien già usato in tre nazioni, Spagna, Regno Unito e Italia. Nel nostro paese, lo stabilimento toscano tratta in media 800.000 acque reflue all'anno, una cifra sorprendente se si considera le ore di lavoro, minore rispetto a quelli degli impianti di biogas (30 giorni).

La co-fondatrice dell'azienda spagnola Marisa Hernández, che ottenuto una nomination nella categoria Donne per i premi dell'Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT), afferma che entro il 2022 il loro "biochar" potrebbe essere in grado di sostituire circa 220.000 tonnellate di carbone all'anno e di evitare l'emissione di CO2 nell'atmosfera di mezzo milione di tonnellate. Inoltre, fa sapere che l'Ingelia è intenzionata ad acquisire il 3% del mercato europeo della gestione dei rifiuti.

Insomma, il "biochar" sembra promettere bene non solo non influirà sull'inquinamento atmosferico, ma contribuirà a ridurne perché prodotto proprio da ciò che lo nutre. La speranza è che le promesse dell'azienda produttrice vengano mantenute e che le politiche globali affrontino la questione del cambiamento atmosferico con maggiore responsabilità e consapevolezza.

Advertisement
immagine: Ingelia.com
Tags: ScienzaAmbiente
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie