Questo albero che mostra la connessione tra le lingue cambierà la tua visione del mondo - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questo albero che mostra la connessione…
Le coppie veramente innamorate fanno queste 12 cose Ecco come si festeggia il compleanno del bambino secondo il metodo Montessori

Questo albero che mostra la connessione tra le lingue cambierà la tua visione del mondo

58.497
Advertisement

La geografia linguistica è una materia molto affascinante poiché, studiando le connessioni tra i vari linguaggi, ci aiuta a connettere le radici delle varie popolazioni del mondo e ci offre, molto spesso, una visione inaspettata della realtà.

Se poi, come in questo caso, una talentuosa illustratrice si è preoccupata di tradurre i nomi e le percentuali in una bellissima infografica esplicativa, il quadro appare più che mai affascinante!

Di seguito potete vedere la creazione di Minna Sundberg, l'illustratrice che ha studiato i dati del progetto Ethnologue per trasformarli in una mappa linguistica del mondo.

Nella mappa le chiome degli alberi sono disegnate in proporzione ai parlanti: più la chioma è grande, più sono le persone che parlano quella lingua come lingua madre.

Tutte le maggiori lingue europee e la maggior parte di quelle orientali si possono dividere in due ceppi: indo-europee e uraliche (in basso a destra).

Le lingue europee si dividono in molti rami, ma i principali sono: slave, romanze (italiche) e germaniche. Notate nel dettaglio la complessità del ramo delle lingue slave.

Advertisement

La mappa mete anche il rilievo l'origine germanica della lingua inglese.

Sorprendentemente, a differenza degli altri paesi scandinavi, la lingua della Finlandia fa parte della famiglia uralica.

Dalla mappa emerge chiaramente anche la gigantesca varietà di lingue che sono nate solo dal ramo indo-iraniano delle lingue indo-europee.

Ovviamente la mappa non è esaustiva del patrimonio linguistico del mondo: moltissime lingue minori non hanno superato la soglia di base del numero di parlanti per poter essere rappresentate nel grafico.

Tags: CulturaliStoria
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie