Uno dei più famosi medici inglesi? Era in realtà una donna... in abiti maschili - Curioctopus.it
x
Uno dei più famosi medici inglesi?…
Ha usato una granata INESPLOSA come schiaccianoci per 25 anni: ecco a voi l'uomo più fortunato del mondo! 20 foto che non possiamo dimenticare perché hanno influenzato il passato e il presente

Uno dei più famosi medici inglesi? Era in realtà una donna... in abiti maschili

30 Dicembre 2016 • di Claudia Melucci
19.383
Advertisement

James Barry è stato un medico pioniere dell'epoca vittoriana. Gran parte della sua carriera l'ha trascorsa in basi militari e accampamenti, in cui ha salvato la vita a centinaia di soldati feriti mortalmente. È stato anche uno dei primi medici ad aver condotto con successo un parto cesareo, e ad essere stato convocato dallo stesso Imperatore Napoleone per prendersi cura del figlio. Il suo nome era sinonimo di professionalità, austerità e fiducia. Ma il dottore ha nascosto per tutta la sua vita un segreto che nessuno si sarebbe mai aspettato.

Tutto iniziò il 25 Luglio 1865 al capezzale del moribondo dottor Barry.

La donna preposta a prendersi cura del suo corpo prima della sepoltura, non ebbe la minima intenzione di rispettare l'ultima volontà del medico: non essere spogliato dopo la morte e di essere sepolto con gli stessi vestiti indossati in punto di morte.

Una tra le tante manie del dottore, pensò la donna, che iniziò a togliere la camicia da notte dal corpo esanime: fu in quel momento che un grido invase la stanza e l'intero appartamento. 

Il Dottor Barry era una donna, anzi una madre date le cicatrici sul ventre. Un segreto che il dottore riuscì a mantenere per tutta la vita.

Dunque chi era James Barry e perché ha deciso di confondere il suo sesso? 

La spiegazione si ritrova nella libertà molto limitata delle donne dell'epoca, che tra i numerosi impedimenti non potevano accedere all'Università, né tantomeno specializzarsi in alcuna materia. 

Fu per questo motivo che Margaret Ann Bulkley decise di diventare James Barry. 

Advertisement

Margaret Ann Bulkley nacque in Irlanda attorno al 1790.

Morto il padre si trasferì dallo zio, dal quale prese lo pseudonimo, insieme alla madre. Margaret iniziò i suoi studi a Londra dove seguiva le lezioni del fisico Edward Fryer. Dimostrò di essere una bambina intelligente, curiosa e impaziente di conoscere tutto del mondo e della scienza. 

Volle iscriversi all'Università nonostante a quel tempo l'accesso era negato alle donne. Decise allora di camuffare la sua identità, assumere il nome dello zio ed indossare abiti maschili. 

Insieme alla complicità della madre, Margaret diventò il rinomato dottor James Barry, conosciuto in tutta l'Inghilterra per le sue capacità.

La nuova vita non fu per nulla facile da sostenere, soprattutto inizialmente quando tutti dubitavano della sua voce flebile e della sua bassa statura. Tuttavia l'impegno di Margaret nel celare la sua natura spazzò via dopo qualche tempo ogni ombra di dubbio. Si parlava di lei per la sua estrema professionalità, la sua severità con i colleghi e la serietà durante le operazioni.

Divenne il più bravo chirurgo di tutta l'Inghilterra: fu la riuscita di un parto cesareo a consacrare il suo successo nella storia della medicina.

Nessuno era a conoscenza del suo segreto tranne la madre ed il suo schiavo acquistato in Sud Africa, che la assistette per 50 anni. Alcuni sospetti si accesero quando nel 1819 sparì dalla circolazione per un anno: dopo la sua morte si scoprì che il suo allontanamento dai luoghi frequentati quotidianamente fu dovuto ad una gravidanza. 

In decenni di carriera mai nessuno riuscì a scoprire il suo segreto: quando si ammalò nel 1865, sentendo vicina la fine, nel testamento scrisse di non voler essere spogliato e di essere sepolto con gli stessi vestiti indossati in punto di morte.

Tuttavia una donna irrispettosa del volere di un defunto rivelò al mondo intero la verità sul dottor James Barry. 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie