È considerata la Monna Lisa degli anni '30: ecco chi è la "Madre migrante" della famosa foto - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
È considerata la Monna Lisa degli anni…
Da cibo per animali a snack per umani: ecco come furono inventate le patatine al formaggio L'albero nell'Annunciazione di Leonardo: ecco perché rappresenta un mistero irrisolto

È considerata la Monna Lisa degli anni '30: ecco chi è la "Madre migrante" della famosa foto

15.879
Advertisement

Le cicatrici della grande crisi del '29 non sono ancora rimarginate: in America è tutt'ora vivo il ricordo di quei tragici anni che hanno gettato in miseria chi prima sguazzava nel denaro, ed hanno schiacciato ancor di più chi neanche prima viveva una vita agiata. Di quel periodo è famosa la foto della "Madre Migrante", lo scatto di una donna intenta ad allattare al seno il figlio, lo sguardo stanco, preoccupato ma allo stesso tempo pieno di coraggio.

A chi appartiene quel volto? Chi è quella donna, qual è la sua storia? Si è scoperto solo a distanza di anni, quando ormai quella foto aveva fatto il giro del mondo ed il suo negativo originale aveva raggiunto un valore stellare. Ecco la storia di Florence Leona Christine Thompson.

 

La fotografa Dorothea Lange ha incontrato Florence in un campo per migranti e poveri nel 1936: la donna si era fermata per allattare mentre si dirigeva in Arizona.

immagine: DOROTHEA LANGE/LIBRARY OF CONGRESS

La frase che meglio rappresenta la forza di Florence e la tenacia che ha sempre avuto in tutta la sua vita, l'ha pronunciata Florence stessa in un'intervista del 1979. Con i capelli bianchi e con la pelle del volto profondamente segnata, ha affermato: "Penso che non si può prendere una donna di oggi e metterla a fare ciò che ho fatto io per sopravvivere". 

"Ho lavorato in un ospedale. Ho servito in un bar. Ho cucinato. Ho lavorato nei campi. Ho fatto un po' di qualsiasi cosa per dare una speranza ai miei figli. Ho raccolto il cotone per 40 centesimi l'acro. Lo mettevo nei sacchi fino a quando non riuscivo più a trasportarli. Ho lavorato fino a tardi quando era così buio da non vedere più niente."

Florence Leona Christine Thompson nacque il 1 Settembre del 1903 nell'Oklahoma.

immagine: DOROTHEA LANGE/LIBRARY OF CONGRESS

All'età di 16 anni sposò Cleo Owens con cui ebbe la sua prima figlia. Nella vita di Florence seguiranno ben 3 matrimoni e 10 figli. Quando il marito morì a causa della tubercolosi, la famiglia si spostò verso la California: qui conobbe Jim Hill con il quale si sposò. Negli anni trenta la coppia lavorò in diverse fattorie. 

La relazione con Hill finì dopo la Seconda Guerra Mondiale: Florence con i 9 figli al seguito cambiò città. Si procurava da vivere lavorando come donna delle pulizie in un ospedale. 

L'ultimo uomo che sposò si chiamava George Thompson: l'uomo dovette assistere la moglie all'insorgenza di alcuni problemi cardiaci. Quando si rese necessaria l'operazione al cuore, la famiglia non aveva denaro per sostenere le spese dell'intervento. I figli di Florence iniziarono a chiedere l'elemosina.

Advertisement

Il tentativo di elemosinare soldi fallì, perché nessuno conosceva la Thompson: pronunciando invece la "Madre Migrante" riuscirono a risparmiare 15 mila dollari.

immagine: DOROTHEA LANGE/LIBRARY OF CONGRESS

L'operazione si tenne ma non riuscì a salvare la vita della donna che morì il 16 Settembre del 1983 a causa di un infarto. 

Quando Florence incontrò la fotografa Dorothea Lange, era sola con i suoi figli.

immagine: DOROTHEA LANGE/LIBRARY OF CONGRESS

La fotografa le chiese di poter scattare delle foto a lei e ai bambini, ma Florence rifiutò turbata. La Lange la convinse dicendole che le foto servivano a mostrare il vero volto dei migranti, che non sono delinquenti e criminali com'era invece opinione comune. 

Lange pubblicò il mezzo busto della donna insieme ad altre foto, ma tra tutte la "Madre Migrante" divenne un'icona dell'America.

Florence però non fu mai felice della fama derivata da quello scatto.

immagine: DOROTHEA LANGE/LIBRARY OF CONGRESS

Nell'intervista del 1979 essa stessa affermò:"Sarei stata più felice se quella foto non fosse stata mai scattata. Non ho mai ricevuto un penny per quella foto. La fotografa non ha chiesto neanche il mio nome. Ha detto che non avrebbe venduto quella foto e che mi avrebbe inviato una copia. Ma non l'ha mai fatto".

Advertisement

Quando il giornalista le chiese "Ha mai perso la speranza?", lei rispose così: "No. Se avessi perso la speranza, questo paese non ce l'avrebbe fatta".  

immagine: Wikipedia

Nella foto, la donna pochi anni prima di morire insieme ad alcune delle sue figlie. 

Tags: UsaStoriaPersonaggi
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie