Secondo la NASA, questa pianta non dovrebbe mai mancare in un appartamento: ecco perché - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Secondo la NASA, questa pianta non dovrebbe…
Consegnano 100 macchine fotografiche a dei senzatetto: le loro foto sono di una bellezza disarmante Uno scimpanzé abbraccia la donna che gli salvò la vita 20 anni prima

Secondo la NASA, questa pianta non dovrebbe mai mancare in un appartamento: ecco perché

12 Giugno 2016 • di Anna Brunelli
152.266
Advertisement

Cresce sempre di più l'interesse per le piante da appartamento. Ma non per abbellire gli ambienti o comunque non solo.

In vari studi condotti dagli anni '80 ad oggi emerge che l'inquinamento domestico (causato da riscaldamento, aria condizionata, utilizzo di apparecchi elettronici ed elettrici, prodotti chimici per la pulizia...) non è da sottovalutare.

Come spesso accade, la natura ci viene in aiuto, nella forma di piante con proprietà depurative. La NASA ha analizzato le caratteristiche delle varie piante da appartamento ed ha concluso che il Pothos è la più benefica per la purificazione degli interni.

Il Pothos è una pianta sempreverde originaria del Sud Est Asiatico che, secondo le ricerche della NASA, svolge un'eccezionale azione purificante negli interni

Azione purificante

Elimina tre elementi tossici presenti nell'atmosfera che possono essere nocivi per la salute, primo tra tutti la formaldeide, uno dei più diffusi inquinanti di interni, dichiarato cancerogeno. Un altro elemento è lo xilene, responsabile, tra altri, di mal di testa e nausee. Infine il benzene, altro agente cancerogeno che, se inspirato in dosi massicce, può causare il decesso.

Advertisement

Cura del pothos

La buona notizia è che il Pothos è facile da curare, perché non richiede potature o altre cure specifiche.

Deve semplicemente essere posizionato in un luogo luminoso ma lontano dai raggi diretti del sole e protetta dalle correnti di aria fredda.

Deve ricevere acqua settimanalmente, sempre quando il terreno è asciutto, ma se preferite, essendo una pianta idroponica, può essere coltivata fuori suolo, in un contenitore d'acqua.

Semplice da curare e piena di benefici, che cosa aspettate a procurarvela? Ve lo dice la NASA.

Tags: UtiliGreenSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie