Antichissima strada romana trovata nel giardino di un cottage: ha circa 2000 anni

Francesca Argentati image
di Francesca Argentati

13 Novembre 2023

Antichissima strada romana trovata nel giardino di un cottage: ha circa 2000 anni
Advertisement

Reperti e ritrovamenti che riconducono agli Antichi Romani sono rinvenuti in varie aree geografiche grazie al meticoloso lavoro degli archeologi. In questo caso, la scoperta avvenuta in Scozia è particolarmente importante: ecco perché.

La scoperta della strada romana in Scozia

La scoperta della strada romana in Scozia

Julien.scavini - CC BY-SA 4.0

Dopo il sandalo romano rinvenuto sul fondo di un pozzo in Spagna, durante gli scavi nel sito di Sterling, la vecchia capitale scozzese, gli archeologi sono rimasti a bocca aperta nel portare alla luce un'antica strada romana, situata nel cortile di una locanda del XVII secolo. Proprio su questo tratto, nel tempo successivo, si incamminarono personaggi molto rilevanti per la storia del Paese. La scoperta è avvenuto precisamente nel giardino dell'Old Inn Cottage, costruito nel XVII secolo poco distante da Stirling. La proprietaria Jennifer Ure ha dichiarato che "è sorprendente pensare che personaggi come Guglielmo il Conquistatore e Re Enrico VIII abbiano attraversato il luogo in cui si trova ora il nostro giardino."

Durante uno scavo quotidiano, è emersa con enorme sorpresa la strada romana, che ha circa duemila anni. Ai suoi esordi venne tracciata dai primi eserciti romani, che si addentrarono nelle pianure scozzesi intorno alla metà del I secolo d.C. Soltanto nell'84 d.C., tuttavia, venne inaugurata, con la marcia del generale Giulio Agricola, diretto alla battagli di Mons Graupius.

Advertisement

I personaggi che solcarono la strada romana in Scozia

I personaggi che solcarono la strada romana in Scozia

william craig/Wikimedia commons - CC BY-SA 2.0

Murray Cook, archeologo dello Stirling Council a capo degli scavi, ha dichiarato che la strada si trova accanto all'Old Drip Bridge del XVIII secolo, collegata a un guado del fiume Forth. Secondo Cook, la strada fu attraversata da tutti i re e le regine di Scozia, fatta eccezione per Charles Edward Stuart, che attraversò il fiume a Frew Ford, nel lato ovest di Stirling. Nel 208 d.C., Settimio Severo, imperatore romano, approdò in Gran Bretagna per intervenire contro le tribù della Caledonia, autrici di caos nel Vallo di Adriano, un'imponente fortificazione in pietra costruita per volontà dall'imperatore romano Adriano per stabilire un confine tra la provincia romana della Britannia e la Caledonia, dividendo l'isola in due parti. Il figlio di Severo, Caracalla, per contrastare l'azione indigena guidò le truppe romane verso nord, attraversando l'antica strada finora rimasta nascosta.

Diverse spedizioni militari si resero protagoniste del passaggio su questo tratto, utilizzato come strategico passaggio nei periodi di guerra. Cook ha spiegato che non è mai stato chiaro dove si trovasse con esattezza questa strada, ma che è onorato di aver camminato nello stesso punto "di Wallace e Bruce, per non parlare dei romani, dei Pitti e dei Vichinghi", aggiungendo che questa scoperta è stata "sorprendente".

L'importanza della strada romana di 2000 anni in Scozia

L'importanza della strada romana di 2000 anni in Scozia

Stirling Council

La strada percorre le Highlands fino al guado sul fiume Tay, che porta alla vecchia frontiera dell'Impero Romano. La Ure, che vive nel cottage insieme al marito e ai figli, ha aggiunto: "Non avevo idea che la strada potesse essere lì finché Murray non si è presentato e mi ha chiesto di fare lo scavo nel giardino. Quando la strada è stata trovata non ho potuto fare a meno di sentirmi emozionata, soprattutto considerando il suo significato. Ho vissuto a Stirling per gran parte della mia vita e conosco tutti i grandi luoghi storici della zona ,come il Castello di Stirling e il Monumento a Wallace, ma non credo che la gente apprezzi tutti gli altri eventi storici che hanno avuto luogo qui e che questa scoperta sta portando alla luce."

Chris Kane, dello Stirling Council, ha affermato: “Siamo vicini al 900° anniversario di Stirling e abbiamo un patrimonio costruito di livello mondiale dell'ultimo millennio che lo dimostra. Questa scoperta ricorda che il nostro patrimonio edilizio risale a un ulteriore millennio, quando furono i romani ad attraversare il Forth e a dare inizio alla storia di Stirling." In realtà, esiste un altro sito neolitico di circa 4.500 anni nei pressi di Stirling, rappresentando "la più grande concentrazione di punte di ascia neolitica mai scoperta in Scozia".

Tuttavia, di certo la scoperta dell'antica strada romana è uno dei passaggi fondamentali nell'esistenza di questa città. “Il posto di Stirling nel cuore della Scozia e nel cuore della storia scozzese è qualcosa di cui siamo molto orgogliosi e comprendere meglio il percorso della Strada Romana aggiunge un altro capitolo da condividere con i numerosi visitatori che vengono da tutto il mondo per sperimentare tutto ciò Stirling ha da offrire”. La strada divenne una cavità erosa dopo che i romani abbandonarono il posto e cessò la manutenzione del tratto. Tuttavia, ora che è stata riportata alla luce, potrà essere ammirata e visitata ancora una volta.

Advertisement