Insegnante durante il compito in classe fa indossare agli alunni dei cappelli "anti-copiatura"

Matteo Cicarelli

31 Ottobre 2022

Insegnante durante il compito in classe fa indossare agli alunni dei cappelli
Advertisement

Di tanto in tanto potrebbe capitare di presentarsi a scuola senza aver studiato. Nel caso, in cui non ci fosse alcun compito o interrogazione tutto ciò passerebbe inosservato.

I problemi nascono nel momento in cui ci si presenta a scuola o all'università senza aver studiato per il test scritto. In questi casi, purtroppo esiste solo una soluzione: copiare. Appena suona la campanella inizia la conquista dei posti, tutti cercano di mettersi seduti vicini ai più bravi della classe, in modo tale che si possa sbirciare sui loro fogli. La speranza è che però l'insegnate non se ne accorga.

Questa professoressa sembra aver trovato un metodo geniale, per evitare che i suoi studenti allunghino il proprio sguardo verso il compito del vicino di banco. Infatti, ha realizzato dei cappelli anti-copiatura. In cosa consiste questa intuizione?

via New York Post

Advertisement

Mary Joy Mandane-Ortiz è docente di ingegneria meccanica presso il Bicol University College of Engineering, nelle Filippine. Nei suoi svariati anni di insegnamento, ha visto numerosi studenti copiare, ma soprattutto ha notato che esistono molteplici modi per non farsi scoprire. Proprio per questo motivo, ha elaborato uno stratagemma che impedisce a tutti gli studenti di guardare sui test altrui. Tutto ciò è stato possibile grazie ai cappelli anti-copiatura.

Non esiste una sola tipologia di cappelli, ma sono "modelli" diversi il cui unico scopo è togliere agli studenti la possibilità di avere una visione periferica. Sono dei copricapo che impediscono agli occhi di osservare ai propri lati. L'unico modo per sbirciare sul foglio del compagno di banco è quello di voltare totalmente la testa, ma a quel punto si viene scoperti. Inoltre, ogni volta che si muove il collo fanno molto rumore, destando e attirando l'attenzione dell'insegnante.

Non è la prima volta che viene utilizzato un metodo del genere per evitare che qualcuno copi. L'idea, infatti, è nata in Thailandia, dove gli studenti sostenevano il compito indossando dei paraocchi.

La stessa professoressa ha spiegato che in questo modo è nettamente diminuito il numero di studenti che sono stati beccati a copiare, ma soprattutto sono migliorati i risultati dei test. Gli alunni sapendo che è impossibile sbirciare sui fogli altrui si impegnano molto di più nello studio, affidandosi esclusivamente alle proprie capacità.

Tu hai mai copiato durante un esame scritto?

Advertisement