x
Insegnare ai bambini come comportarsi…
Si fa pagare per scegliere i nomi dei figli ai genitori indecisi: una consulenza costa fino a 30.000$ Megalofobia, paura delle grandezze: 16 immagini condivise da persone che temono le dimensioni delle cose

Insegnare ai bambini come comportarsi a tavola: 8 consigli utili per mostrare loro le buone abitudini

03 Maggio 2022 • di Francesca Argentati
4.833
Advertisement

L’educazione dei figli inizia sicuramente in casa, attraverso il buon esempio. Questo riguarda qualunque ambito, ma quello che affrontiamo in questo articolo concerne le abitudini a tavola. Come insegnare ai più piccoli come comportarsi durante i pasti? Attraverso alcune regole che devono essere rispettate, non soltanto dai bambini ma anche dagli adulti. L’apprendimento avverrà in maniera graduale, attraverso delle linee guida ferme, costanti e pazienti.

Ecco un piccolo vademecum sulle buone norme da applicare e far eseguire a pranzo e a cena quando i bambini iniziano a mangiare in maniera autonoma.


1. Lavare le mani

Ovviamente, la prima regola da far seguire è quella di lavarsi le mani prima di sedersi a tavola. È un’abitudine relativa all’igiene che andrebbe insegnata già fra i 12 e i 18 mesi.

2. Postura

Il modo in cui ci si siede a tavola ha a che fare con l’educazione, sì, ma anche con il benessere della schiena. Se il bambino si siede portando le gambe sulla sedia o agitandole sotto al tavolo, oppure troppo incurvato, è bene correggerlo: la postura ideale è dritta, con gli avambracci appoggiati alla tavola, spostando la sedia in modo delicato e poco rumoroso sia all’inizio del pasto che al momento di alzarsi.

Advertisement

3. Usare il tovagliolo

Anche se i bambini sono muniti di bavaglino a tavola, questo non dovrebbe sostituire il classico tovagliolo, magari di carta. Questo gli permetterà di familiarizzare con qualcosa che “usano i grandi” sprecandone diversi, dal momento che nei primi periodi si sporcherà parecchio!

4. Masticare

Masticare a bocca aperta non è una cosa piacevole da mostrare agli altri. Ovviamente un bambino non può saperlo, pertanto deve poterlo imparare: facciamo loro notare che non è necessario riempirsi la bocca al punto di non riuscire a chiuderla per masticare, ma che è sufficiente fare piccoli bocconi per volta, evitando di emettere suoni sgradevoli.

5. Bocca chiusa

Anche parlare con la bocca piena è fastidioso e sinonimo di maleducazione, oltre a essere potenzialmente pericoloso: parlando mentre si mangia, infatti, c’è il rischio che qualcosa vada di traverso. Quindi, una regola fondamentale da insegnare è quella di inghiottire il cibo prima di conversare.

Advertisement

6. Posate

Il passaggio tra l’uso delle mani per mangiare e l’utilizzo delle posate segna un passaggio importante per ogni bambino, di solito tra i 18 e i 24 mesi. L’apprendimento avverrà imitando gli adulti e, in questo frangente, si può ricorrere a delle posate “di transizione” fatte apposta per i più piccoli. Inoltre, le posate non sono giocattoli e non devono essere usate come tali. A tavola ci si dovrebbe concentrare sul cibo, il momento del gioco arriverà in un secondo momento.

7. Modo di porsi

Anche a tavola, il modo di porsi e di chiedere qualcosa deve avvenire nel rispetto dei presenti. I bambini non hanno filtri e dicono ciò che pensano in modo spontaneo, per questo va insegnato loro con pazienza a porsi con gentilezza e ad evitare frasi poco educate come, ad esempio, “questo cibo mi fa schifo” e altre espressioni spiacevoli.

Advertisement

8. Non alzarsi

Una buona regola è quella di non alzarsi da tavola finché tutti non hanno finito di mangiare. Per un bambino è di certo difficile restare a lungo seduto, quindi non è necessario obbligarlo a restare, ma insegnargli a chiedere il permesso di allontanarsi.

Ovviamente si tratta di consigli generici che ogni genitori può scegliere di mettere in pratica in base alle proprie esigenze e caratteristiche del figlio, gestendo la sua educazione a tavola come ritiene opportuno, ma potrebbero essere spunti utili per insegnare ai più piccoli come “mangiare da grandi”.

Tags: BambiniUtiliFamiglia
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie