La Coldiretti "adotta" gli animali del circo, dando loro da mangiare in questo periodo di chiusura delle attività - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La Coldiretti "adotta" gli animali del…
Usa: un gruppo di infermieri in tuta e mascherina blocca pacificamente le proteste anti-lockdown Cina, viene alla luce una preziosa coppia di panda gemelli: vengono battezzati Sano e Salvo

La Coldiretti "adotta" gli animali del circo, dando loro da mangiare in questo periodo di chiusura delle attività

21 Aprile 2020 • di Marta Mastrogiovanni
1.702
Advertisement

L'epidemia di Coronavirus ha bloccato gran parte delle attività in Italia, soprattutto quelle considerate "non necessarie" come la vendita di alimenti e di altri beni essenziali. Tra le attività che hanno subito un brusco arresto ci sono sicuramente i circhi che, con i loro animali intrattenevano gli spettatori e che ora si ritrovano senza un'entrata, come tante altre attività. Cosa succede agli animali in questo caso? Per non lasciarli da soli, la Coldiretti, ovvero la maggiore associazione di rappresentanza e assistenza dell'agricoltura italiana, ha deciso di aiutarli donando loro cibo a sufficienza.

CORONAVIRUS: COLDIRETTI SICILIA IN AIUTO DEI SEI CIRCHI BLOCCATI NELL’ISOLA SFAMATI IPPOPOTAMI, TIGRI, E TANTI ALTRI...

Pubblicato da Coldiretti Sicilia su Mercoledì 15 aprile 2020

Tigri, elefanti, ippopotami, cavalli, scimmie e cammelli impiegati nei vari circhi di Italia rischiavano di soffrire a loro volta di questa chiusura dell'attività dovuta al Covid-19; la Coldiretti, così, ha deciso di donare cibo per gli animali che, in tutte le region, vengono più o meno impiegati negli spettacoli circensi che appassionano grandi e piccini. Dalla Sicilia al Friuli, quindi, è stata donata una grande quantità di frutta, verdura, paglia, fieno, latte e carne. 

"Abbiamo subito messo in moto la macchina della solidarietà e con nostri mezzi abbiamo portato l’aiuto richiesto perché i circhi vivono con il pubblico ma se l’attività è chiusa gli artisti e il parco animali non possono sopravvivere" – ha riferito Francesco Ferreri, presidente regionale Coldiretti . 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie