Una bandiera bianca su ogni sito storico dell'Iran: il progetto di un architetto per promuovere la pace

di Marta Mastrogiovanni

09 Gennaio 2020

Una bandiera bianca su ogni sito storico dell'Iran: il progetto di un architetto per promuovere la pace
Advertisement

Come sappiamo, il nuovo decennio è iniziato con un rinnovato conflitto politico tra gli Stati Uniti e Iran ― non proprio il modo migliore per cominciare l'anno. A seguito dell'assassinio del generale iraniano Qasem Soleimani e al voto dell'Iran di "vendicarsi gravemente", il 4 gennaio 2020, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha moltiplicato le tensioni con un tweet in cui ha minacciato di colpire 52 centri culturali e storici iraniani. In risposta alla dichiarazione di guerra del presidente americano, il graphic designer Mohammad Hassan Forouzanfar ha ideato un progetto per promuovere la pace. Si tratta di un progetto concettuale in cui Mohammed ha immaginato di innalzare una bandiera bianca su ogni sito storico iraniano, patrimonio dell'UNESCO. Le immagini, che potete vedere di seguito, sottolineano l'importanza di questi insostituibili edifici e paesaggi.

via Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Advertisement
Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Advertisement
Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Advertisement
Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Advertisement
Instagram / mh__forouzanfar

Instagram / mh__forouzanfar

Questi sito storici non hanno valore soltanto per l'Iran e la loro distruzione inciderebbe non solo sulla Nazione, ma sull'intera umanità. Come stabilisce la Convenzione dell’Aia per la protezione dei siti culturali del 1954, prendere di mira siti culturali è un crimine di guerra.

Advertisement