La Cattedrale Vegetale: la maestosa opera di architettura naturale realizzata da un artista italiano - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La Cattedrale Vegetale: la maestosa…
Rolls Royce presenta il suo nuovo aereo totalmente elettrico: con esso vuole stabilire il nuovo record di velocità 20 persone che hanno avuto idee folli ma geniali per risolvere i loro piccoli problemi quotidiani

La Cattedrale Vegetale: la maestosa opera di architettura naturale realizzata da un artista italiano

28 Dicembre 2019 • di Marco Renzi
11.321
Advertisement

La Cattedrale Vegetale, di cui forse alcuni di voi hanno sentito parlare, è un'opera progettata dall'artista italiano Giuliano Mauri (1938-2009) nei primi anni duemila, divenuta con il passare delle stagioni una vera e propria cattedrale vivente di ispirazione gotica.

Fu costruita secondo l'antica arte dell'intreccio: usando legno flessibile, chiodi, corde e picchetti sono state costruite le armature delle 42 colonne che compongono la struttura, all'interno delle quali, invece di cemento o mattoni, si sono sviluppati gli alberi e la vegetazione che dovevano essere il materiale da costruzione della cattedrale.

Le strutture portanti erano concepite per marcire nel tempo soccombendo alle intemperie, sostituite da legno vivo e rami che si sarebbero sviluppati nel corso delle stagioni. Il risultato, come mostrano le foto, è un monumento che muta di anno in anno, vivente ed inserito nel panorama circostante, grazie alla scelta di specie vegetali rigorosamente locali.

immagine: Giacomo Bianchi
Advertisement
immagine: Riccardo Senia
immagine: Pava
Advertisement
immagine: Michele Salmaso
immagine: Arte Sella
Advertisement
immagine: Pava
Advertisement
immagine: santino
immagine: Luca Florio/Flickr

Purtroppo, come ogni struttura che faccia dell'elemento naturale la sua base di costruzione, la Cattedrale Vegetale era una struttura concepita per evolversi con l'ambiente e non per essere eterna. A dicembre del 2019 è stato quindi necessario procedere a mettere in sicurezza ed eliminare gli alberi che nel frattempo erano cresciuti troppo e rendevano pericolante la struttura, con conseguente rischio per i visitatori.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie