Questo alluce artificiale di 3000 anni ritrovato in Egitto è la protesi più antica della storia - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questo alluce artificiale di 3000 anni…
16 gatti tra i più spericolati del mondo che rallegreranno anche la vostra giornata più triste I veterinari trovano un cervo con 4 chili di plastica nello stomaco: la colpa è tutta dei turisti incivili

Questo alluce artificiale di 3000 anni ritrovato in Egitto è la protesi più antica della storia

5.857
Advertisement

A prima vista potrebbe sembrare un semplice oggetto di legno e pelle, ma l'oggetto rinvenuto dagli archeologici nella necropoli egizia di Sheikh' Abd el-Qurna, a ovest di Luxor, è davvero molto di più.

La forma è inconfondibile: si tratta dell'alluce di un piede con le altre dita, un oggetto "indossabile". Ebbene sì: quella a cui gli studiosi si sono trovati davanti è la protesi più antica della storia.

Un manufatto antico di 3000 anni, che non è soltanto un capolavoro di scultura antica, ma ci dà importanti e affascinanti conferme sulle usanze, l'avanzamento tecnico - scientifico e la cultura dell'epoca.

immagine: jsagesid/reddit

L'alluce è stato trovato sul piede di una mummia di donna. Forse un incidente, o forse un'amputazione dovuta a una malattia: i motivi della mancanza del dito resteranno probabilmente ignoti.

Resta il fatto che, al di là del valore artistico e storico dell'oggetto, la protesi è un'incredibile e preziosa testimonianza che ci fa comprendere quanto fossero avanzate le competenze fisionomiche e mediche degli Egizi.

Secondo gli studi eseguiti con i raggi X dopo il ritrovamento e pubblicati dall'Università di Basilea, la cura con cui è stato realizzato questo dito artificiale è stata maniacale, tanto da essere rimodellato più volte a seconda delle esigenze dell'indossatrice.

Sulla sua identità e data la posizione sopraelevata della tomba rispetto alle altre nel Santuario, gli archeologi sostengono che si possa trattare della figlia di un sacerdote. L'elevato rango sociale della donna, dunque, spiegherebbe tanta perizia nel renderla in grado di camminare normalmente.

Dai segni di usura, sembra proprio che l'alluce sia stato utilizzato parecchio, grazie alla sua ottima fattura e alle modifiche eseguite dall'artigiano che la costruì. Arrivare al momento del trapasso con un corpo intero e ben conservato, poi, era un fattore fondamentale per raggiungere la vita eterna, secondo i precetti della religione egizia.

Dopo secoli di studi, ricerche e ritrovamenti, l'Antico Egitto continua a stupirci con incredibili scoperte, che ci raccontano storie e caratteristiche - anche meno note - sulla sua affascinante civiltà.

 

SOURCE:

https://www.unibas.ch/en/News-Events/News/Uni-Research/A-Wooden-Toe-Swiss-Egyptologists-Study-3000-Year-Old-Prosthesis.html

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie