Questo supermercato tailandese ha avvolto i cibi nelle foglie di banano per ridurre il consumo di plastica

Claudia Melucci

25 Marzo 2019

Questo supermercato tailandese ha avvolto i cibi nelle foglie di banano per ridurre il consumo di plastica
Advertisement

Stiamo prendendo sempre più consapevolezza di quanto sia un bene per il futuro dell'uomo e dell'ambiente ridurre il consumo di plastica. Sebbene nelle nostre teste qualcosa sia iniziato a cambiare, nei supermercati tutto è rimasto inalterato e gli scaffali sono ancora colmi di prodotti avvolti da plastica spesso inutile.

Lo stesso non si può dire di un supermercato in Thailandia che ha voluto fare il primo passo, rispetto ai consumatori, nella lotta contro alla plastica. L'idea geniale che ha avuto è presto divenuta virale sul web. 

Advertisement

Perfect Homes Chiangmai/Facebook

In un mondo ormai asfissiato dalla plastica, qualsiasi iniziativa è ben accolta – non importa quanto "grande" sia. Così, un supermercato tailandese ha deciso di dare il suo piccolo contributo rivoluzionando il packaging di alcuni prodotti freschi, che non avrebbero bisogno di tutta quella plastica in cui sono normalmente avvolti. 

Perfect Homes Chiangmai/Facebook

Al posto dei film plastici e delle vaschette di polistirolo, il supermercato ha avvolto i prodotti nella foglie di banano, ampiamente diffuse in Thailandia. 

Advertisement

Perfect Homes Chiangmai/Facebook

Perfect Homes Chiangmai/Facebook

L'idea è stata accolta calorosamente dai clienti del supermercato, che hanno apprezzato l'intenzione di ridurre il consumo della plastica senza nuocere all'integrità e alle norme igieniche del prodotto: altrove, infatti, è stato proposto di presentare gli alimenti senza alcun tipo di packaging, ma in molti casi le vendite calavano a causa dei danni che subivano. 

Perfect Homes Chiangmai/Facebook

Advertisement

Perfect Homes Chiangmai/Facebook

Grazie alle foglie di banano, invece, gli alimenti mantengono la loro integrità e non producono rifiuti inutili. 

Può sembrare una banalità, ma il mondo ora ha esattamente bisogno di questo: di piccole azioni lanciate da persone comuni! 

Advertisement