Gli orsi polari stanno invadendo le città, alla ricerca disperata di cibo: una situazione "insostenibile" - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Gli orsi polari stanno invadendo le…
La meravigliosa scultura italiana così intricata da far dubitare sia fatta di marmo Come funziona il nuovo farmaco

Gli orsi polari stanno invadendo le città, alla ricerca disperata di cibo: una situazione "insostenibile"

4.597
Advertisement

L'arcipelago russo di Novaya Zemlya, nell'Oceano Artico, sta vivendo un'emergenza che trova coinvolti animali e esseri umani. negli ultimi tempi, infatti, si sono registrati sempre più avvistamenti di orsi polari negli insediamenti urbani, tanto che oggi i locali parlano di una vera e propria invasione.

Le scuole si sono dotate di alte recinzioni, la gente non esce più di casa, neanche per andare a lavoro, per paura di ritrovarsi faccia a faccia con un orso. Una situazione insostenibile in cui, però, a farne le spese più grandi sono proprio gli orsi. 

L'assottigliamento dei ghiacciai nelle isole dell'arcipelago ha reso affamati gli orsi polari: foche, pesci di grossa taglia e uccelli acquatici non frequentano più questi territori, e gli orsi si sono ritrovati senza cibo.

Per questo motivo hanno da tempo iniziato a spingersi verso gli insediamenti urbani delle isole nell'Oceano Artico, dove le persone vivono in comunissime cittadine. Oggi, però, la situazione sembra essersi fatta insostenibile: gli orsi polari sono stati fotografati negli androni dei palazzi, sul retro dei negozi e nei giardini delle scuole alla ricerca disperata di qualcosa da mangiare. Sono molto aggressivi perché non si cibano da tempo e anche a causa dei cambiamenti che il loro habitat ha subito, dicono gli esperti. 

Se i cittadini vivono una minaccia, gli orsi polari ne stanno vivendo al momento due: oltre al fatto che il loro destino è segnato dalla fame, il rischio è che vengano uccisi dalle forze di polizia locali che per proteggere la popolazione non hanno altra possibilità. 

Circa 52 orsi sono stati confinati in un'area militare in cui i civili non possono entrare, e non è ben chiara quale sia l'intenzione delle amministrazioni. I cambiamenti climatici riscaldano le zone artiche ad una velocità doppia di quanto facciano altrove nel mondo: questo renderà la situazione sempre più drammatica con conseguenze per gli animali, per l'ambiente e per gli esseri umani che vivono in queste zone.

Mangiare la spazzatura o quel che trovano durante le loro "battute di caccia cittadine" non è neanche una soluzione definitiva per gli orsi polari: la loro dieta ha bisogno di molti grassi e proteine, elementi che non riusciranno mai a ricavare dai rifiuti e dagli avanzi. L'alimentazione scorretta prolungata può causare anche l'infertilità nelle femmine, oltre ad una grande spossatezza in tutti gli esemplari. È facile capire, quindi, come la popolazione degli orsi sia pesantemente minacciata.

Una situazione, quella dell'arcipelago russo di Novaya Zemlya, che sembra non avere soluzione al momento, o almeno una soluzione che possa far bene agli esseri umani e agli orsi allo stesso tempo. 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie