Due ingegneri italiani hanno progettato un sistema per fermare la plastica prima che raggiunga il mare - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Due ingegneri italiani hanno progettato…
La Ducati punta verso il progresso: presto su strada una futuristica motocicletta elettrica L'ondata di gelo ha trasformato le Cascate del Niagara in un villaggio ghiacciato: le foto sono mozzafiato

Due ingegneri italiani hanno progettato un sistema per fermare la plastica prima che raggiunga il mare

23 Gennaio 2019 • di Alberto Ragazzini
7.021
Advertisement

L'inquinamento dei mari è un problema globale che non può essere assolutamente sottovalutato: da questo dipende la sopravvivenza di moltissime specie marine e anche la nostra salute. Due ingegneri italiani hanno avuto a tal proposito, un'idea innovativa su come poter bloccare i rifiuti nei fiumi prima che raggiungano gli oceani. Il progetto low budget è molto semplice, si chiama SEADS ed è composto da due barriere con reti immerse nei fiumi per raccogliere quanti più rifiuti possibili. 

immagine: SEADS

Due ingegneri italiani hanno avuto una brillante idea che potrebbe rivoluzionare la lotta contro la plastica e il suo continuo riversamento all'interno degli oceani. Probabilmente non tutti sanno che tra l'80 e il 90% dei rifiuti plastici ogni giorno immessi in mare, sono inizialmente trasportati dalle correnti dei grandi fiumi come il Gange e il Nilo. I due ingegneri Fabio DalmonteMauro Nardocci, hanno pensato di interrompere e risolvere il problema alla radice, ideando un sistema di pulizia dei fiumi che raccoglie i materiali plastici trasportati. 

Il progetto si chiama SEADS (Sea Defense Solutions) e consiste in una doppia barriera di tiranti di acciaio e tende immerse nell'acqua che raccolgono i rifiuti plastici galleggianti. Una volta radunati i rifiuti sono reindirizzati verso un bacino di raccolta, in modo tale da permettere alla popolazioni locali di rivendere la plastica alle società di riciclo. Le barriere sono inoltre disposte obliquamente e distanti tra loro in modo da permettere la navigazione nei tratti in cui è prevista. SEADS è un progetto low budget con un costo stimato intorno ai 40.000€. 

immagine: SEADS

L'intero sistema è stato progettato per resistere alle piene e ai danni provocati dai corpi di grandi dimensioni come alberi o massi caduti. SEADS non rappresenta neanche una minaccia per gli ecosistemi dato che gli animali possono agevolmente aggirare le barriere nuotando sopra o sotto ad esse. 

Nei fiumi vengono riversati ogni anno tonnellate di rifiuti che stanno mettendo a dura prova la sopravvivenze delle specie animali. È stato stimato che entro il 2050, se non si interviene, nei mari sarà presente più plastica che pesci: un impatto ambientale devastante che si ripercuoterà anche sulla nostra salute. Il progetto dei due ingegneri italiani che lavorano a Londra e a New york, potrebbe eliminare in partenza enormi quantità di plastica prima che venga riversata nell'oceano. Un primo prototipo del SEADS realizzato in collaborazione tra unità italiane e scozzesi verrà testato in un affluente del Reno. 

Tags: TecnologiaNaturaGreen
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie