Non lasciare che tutti bacino il tuo bambino: ecco cosa è successo a questa neonata a causa di un bacio - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Non lasciare che tutti bacino il tuo…
Invecchiare tra amici: in Europa sempre più persone scelgono di vivere nelle abitazioni collaborative Gli scienziati hanno decifrato il linguaggio delle cellule: le possibilità che ora si aprono sono infinite

Non lasciare che tutti bacino il tuo bambino: ecco cosa è successo a questa neonata a causa di un bacio

30 Luglio 2018 • di Claudia Melucci
5.211
Advertisement

Da che mondo è mondo non si è mai sentito un divieto sui i baci: eppure, quando a riceverli sono i neonati la questione è molto delicata. Dovrebbero essere in genitori i primi ad impedire che il loro bambino venga baciato da qualcun altro, ma la verità è che spesso sono lo stessi a non conoscere le conseguenze che può avere un bacio. 

La storia di Mariana, una piccola di soli 18 giorni, ci mette in guardia nel rivolgere questo gesto d'amore che ci viene così spontaneo quando vediamo un neonato. 

immagine: Nicole Sitfrit/Facebook

Quando è nata Mariana, amici e parenti sono accorsi per incontrarla per la prima volta, l'hanno baciata e toccata, ma nulla ha mai destato il sospetto dei genitori. Rientrava tutto in ciò che accade normalmente quando nasce un bambino. Per di più, Mariana era nata sana come un pesce.

Un giorno, però, Mariana ha dato segni di malessere: non mangiava più e i genitori non riuscivano a svegliarla dal sonno nonostante i numerosi tentativi. Ricoverata d'urgenza in ospedale, i medici hanno informato i genitori che la piccola aveva contratto la meningite HSV-1, causata dal virus dell'herpes simplex che provoca quelle fastidiose pustole sulle labbra. 

I suoi genitori non hanno il virus, per questo i medici ritengono che la piccola sia stata infettata da una terza persona che l'ha toccata o baciata.

Il sistema immunitario di Mariana non ce l'ha fatta a combattere il virus, lasciando un vuoto incolmabile nella vita dei genitori che non immaginavano una tale pericolosità di un bacio. 

Il virus dell'herpes simplex (HSV)

immagine: Nephron/Wikimedia

Il virus HSV è molto contagioso e provoca ferite intorno alle labbra o in altre parti del viso. La trasmissione avviene attraverso il contatto diretto con l'herpes o con la saliva della persona con l'infezione, ad esempio con un bacio. 

In alcuni casi, il virus dell'herpes simplex può causare anche la meningite, un'infiammazione che interessa le meningi, ovvero il tessuto che circonda il cervello e il midollo spinale. I sintomi compaiono di solito molto rapidamente, complicando così tutte le operazioni di intervento salvavita che devono essere attuate prima che l'infiammazione arrivi a colpire gli organi vitali. 

Advertisement

"Non permettere a nessuno di baciare il tuo bambino"

Everyone please pray for my baby girl...

Pubblicato da Shane Sifrit su Venerdì 7 luglio 2017

È questo l'appello che hanno lanciato i genitori di Mariana, dopo l'accaduto: un messaggio forte che può sembrare addirittura esagerato, ma che non lo è affatto se si pensa che in gioco c'è la vita di un neonato.

"A tutte le persone che non capiscono quello che stiamo passando, diciamo di leggere la nostra storia: ti stiamo dicendo di non lasciare che chiunque baci il tuo bambino. La nostra principessa sta combattendo per la vita dopo essere nata sana al 100%. Questo deve essere il peggior incubo che un genitore può vivere!"

L'herpes simplex è un virus molto comune, ma solo in pochi casi può causare la meningite.

immagine: a4gpa/Flickr

È una pediatra ad aggiungere informazioni importanti circa il virus e i neonati: "I primi due mesi dopo la nascita di un bambino sono molto critici, dal momento che un virus può diffondersi rapidamente e causare gravi malattie nei neonati".

Gli adulti possono essere portatori di virus e batteri che per quanto siano comuni e non gravi, possono rivelarsi fatali per un bambino, soprattutto nei due mesi successivi alla nascita. 

La storia di Mariana è fortunatamente un caso raro, ma che è sempre e comunque meglio prevenire. 

Tags: BambiniUtiliSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie