Cuffie e auricolari vanno in pensione: una nuova tecnologia potrebbe sostituirli entro pochi mesi - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Cuffie e auricolari vanno in pensione:…
18 rare foto che gettano luce su alcuni dettagli della storia Ecco perché gli esperti raccomandano di far stare i bambini scalzi il più a lungo possibile

Cuffie e auricolari vanno in pensione: una nuova tecnologia potrebbe sostituirli entro pochi mesi

03 Luglio 2018 • di Alessandro Lolli
9.463
Advertisement

Vi ricordate quei tempi in cui ci portavamo appresso un groviglio inestricabile di fili, con quegli auricolari scomodi che si incastravano male nelle orecchie, tutto per sentire un po' di canzoni mentre camminavamo in giro? Ve lo ricordate sicuramente perché è ancora il presente, ma potrebbe avere i mesi contati.

Una nuova tecnologia messa a punto da una start-up israeliana promette di mandare in pensione per sempre cuffie e auricolari.

immagine: pixabay

Si chiama Sowlo la tecnologia sviluppata dalla Noveto, una giovane start-up con sede a Petha Tikva, in Israele. Sowlo si basa sull'idea di focalizzare le onde sonore e farle convergere verso un punto desiderato, nel nostro caso, le orecchie dell'utente che sta usando il dispositivo. E dispositivo può essere qualsiasi cosa: dal nostro smartphone che trasmette musica, a un film alla tv, passando per portatili, tablet e pc.

L'idea è di rendere obsoleti i vecchi strumenti che consentivano un isolamento sonoro con mezzi analogici, quelli che comunemente chiamiamo cuffie.

immagine: Noveto

Qualcuno potrebbe aver sentito parlare di qualcosa di simile, cioè dei device dotati di audio direzionale: gli altoparlanti convogliano il suono direttamente di fronte al dispositivo e rendono impossibile ascoltare a chi è di fianco.

La tecnologia di Sowlo è molto più raffinata. È infatti in grado di localizzare le orecchie dell'utente e di convogliare le onde sonore proprio lì, aggiustandosi se si è in movimento. Con Sowlo sarà possibile essere nella stessa automobile e ascoltare quattro cose diverse contemporaneamente: un film dal tablet per il passeggero di dietro, un video youtube dal telefono per il suo vicino, il navigatore per il conducente e la radio per l'altro passeggero.

Advertisement
immagine: Noveto

Sembra fantascienza, ma tutti i giornalisti che hanno assistito al test confermano che funziona. E soprattutto, ha tutte le carte in regola per non essere una di quelle invenzioni bizzarre che non entreranno mai in uso comune. Pensate per esempio ai device per la realtà virtuale. Perché non sfondano nel mercato? Non solo per il costo, ma anche perché le attrezzature sono poco pratiche e non esistono ancora tanti contenuti che li richiedono.

Invece Brian Wallace, attuale CEO della Noveto, assicura che il prodotto sarà sul mercato a partire dall'inverno del 2019 con un prezzo di lancio di circa 250 euro; ma soprattutto fa notare che, a differenza della realtà virtuale, i contenuti rivoluzionati da Noveto sono già qui: qualsiasi cosa abbia un suono!

immagine: Noveto

Chi è preoccupato per la qualità del suono può dormire sonni tranquilli. Sicuramente non stiamo parlando dell'esperienza più incredibile e immersiva che abbiate mai provato; ma non era neanche il caso delle cuffie. Per dirla con le parole di Wallace: "Sostituiremo un impianto stereo domestico da diecimila dollari? No. Sostituiremo la stragrande maggioranza dei device di uso comune? Sì, al 100%".

La Sowlo della Noveto ha il quid di ogni grande innovazione tecnologica: risolve un'esigenza che non pensavi di avere, facendoti improvvisamente percepire come preistorico il tuo vecchio stile di vita. Unico malus? I nostri nipoti non capiranno le battute sulle cuffie che si attorcigliano da sole nelle tasche...

 

Tags: TecnologiaAssurdiIdee
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie