Craco: la singolare città fantasma sul Mediterraneo che vi ruberà il cuore - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Craco: la singolare città fantasma…
Ecco 4 strade tra le più spettacolari e pericolose al mondo. Allacciate le cinture! 9 aspetti della lingua che ci stanno comunicando qualcosa del corpo

Craco: la singolare città fantasma sul Mediterraneo che vi ruberà il cuore

13.441
Advertisement

Craco, Italia, nella provincia di Matera in Basilicata. Craco è una città italiana che è stata completamente abbandonata nel corso del tempo ed ora è praticamente disabitata. La sua fondazione risale all'VIII secolo a.C. e negli anni ha modestamente prosperato sino a diventare un aggregato urbano, un feudo e poi una piccola cittadina. Tuttavia gli abitanti di Craco furono costretti a scappare dalle loro case a causa di un evento tragico che colpì la città rendendola quello che è diventata adesso: una città fantasma.

Nel 1963 la città fu investita da alcune frane che obbligarono gli abitanti a trasferirsi a valle in una località oggi chiamata Craco Peschiera. Ma i problemi di Craco non erano finiti, nel 1972 un'alluvione peggiorò la situazione impedendo un'eventuale ripopolazione del centro storico. Come se non bastasse nel 1980 la città fu definitivamente abbandonata a causa di un terremoto. Ma come a sfidare le persone che l'avevano abbandonata da quel momento in poi Craco rimase intatta divenendo a tutti gli effetti un paese fantasma e trasformandosi in una meta turistica e uno scenario da set cinematografico. Di seguito troverete una piccola galleria per rendervi conto di quanto suggestive siano queste case e queste rovine.

1.

Advertisement

2.

3.

4.

Advertisement

5.

6.

Advertisement

7.

Tags: ItaliaCittà
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie