11 donne che hanno fatto cose straordinarie di cui gli uomini si sono presi il merito - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
11 donne che hanno fatto cose straordinarie…
Imparate a riconoscere una corrente di risacca e cosa fare per mettervi in salvo in caso di risucchio 6 tipi di riposo per guadagnare 6 benefici diversi

11 donne che hanno fatto cose straordinarie di cui gli uomini si sono presi il merito

34.038
Advertisement

L'uomo che inventò il Monopoli non ha inventato veramente il Monopoli. Si chiamava Charles Darrow e ha guadagnato milioni vendendolo ai fratelli Parker, ma in realtà una donna di nome Elizabeth Magie lo aveva ideato 30 anni prima.

Questa è una storia che conoscete già: un uomo si prende il merito di un'idea avuta da una donna. È una storia che avete già sentito, ma oggi andiamo a smascherare le menzogne con i pantaloni. Oggi scopriamo il vero significato del detto "dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna".

1. 1868: Margaret Knight inventa la macchina per fabbricare buste di carta

immagine: USPTO

Margaret lavorava in una fabbrica di buste di carta e, in poco tempo, inventò una macchina per produrre le buste. Un giorno un uomo di nome Charles Anan venne a esaminare la macchina. Quando Margaret cercò di ottenere il brevetto per la sua invenzione le fu rifiutato perché un certo Charles Anan aveva già inventato lo stesso macchinario. Margaret lo citò in giudizio e vinse.

2. 1900: Alice Guy fu la prima donna regista e la prima ad avere uno studio di produzione

Alice Guy girò molti film pria di sposare Herbert Blaché. La Guy nel suo cinema visionario immaginava un mondo dove i ruoli uomo-donna fossero ribaltati e lo raccontava ancora prima che il termine "diversità di genere" fosse acquisito nel lessico.

Ironia della sorte, il suo nome fu dimenticato e suo marito prese tutto il merito per i suoi lavori. Blaché aprì uno studio di produzione e convinse sua moglie a fondere i marchi. Questo fece sì che quando fu pubblicata la classifica de "I più importanti 100 uomini e donne del cinema" Alice Guy non fu neanche menzionata mentre suo marito ebbe un'intera pagina dedicata.

Advertisement

3. 1903: Elizabeth Magie inventa il Monopoli

Elizabeth viveva una vita singolare per una donna dei primi del '900, basti pensare che si sposò a 44 anni. Nel 1903 inventò un gioco chiamato "Landlord's game" (il gioco dei proprietari terrieri) per protestare contro i monopoli di Carnegle e Rockfeller.

30 anni dopo Charles Darrow vendette una versione del gioco chiamata Monopoli ai fratelli Parker, prendendosi tutto il merito e il denaro ricavati avendo cambiato solo il nome. Elizabeth guadagnò solo 500 dollari.

4. 1930: Lise Meitner scopre la fissione nucleare

Lise Meitner era un fisico, direttore dell'istituto di chimica austriaco. Ma quando Hitler andò al potere dovette scappare e rifugiarsi altrove a causa delle sue origini ebraiche. Analizzando alcune lettere che la Meitner si era scritta con il chimico Otto Hahn divenne chiaro come avessero scoperto insieme la fissione nucleare. 

Otto Hahn giurò fedeltà al nazismo e presentò i "suoi" studi  sulla fissione nucleare vincendo il Nobel, rifiutandosi di dare alcun credito alla Meitner.

5. 1900: Nettie M. Stevens scopre che il sesso dei bambini dipende dal liquido seminale maschile

Siamo intorno al 1919 quando Nettie M. Stevens e Edmund Beecher Wilson, entrambi scienziati, arrivano alla stessa conclusione: il cromosoma Y è presente solo nell'uomo.

La dott.sa Stevens presentò la sua ricerca 10 giorni dopo il Dr. Beecher, ma la donna morì nel 1912 e non riuscì a raggiungere la reputazione di Beecher. Per questo motivo il suo ruolo in merito a queste scoperte viene spesso dimenticato.

Advertisement

6. 1950: La dottoressa Chien-Shiung Wu scopre in fisica la legge di parità

La dott.ssa Chien-Shiung Wu lavorava assieme ai suoi due colleghi il Dr. Tsung-Dao Lee e il Dr. Chen Ning Yang, con i quali studiò e sperimentò alcuni principi fisici: il più importante di questi era la legge di simmetria chiamata "principio di conservazione della parità".

Per le loro ricerche i suoi colleghi vinsero un Nobel mentre lei fu esclusa dalla premiazione.

7. 1951: Rosalind Franklin contribuisce enormemente agli studi sul DNA

Rosalind Franklin stava portando avanti delle ricerche sulla struttura del DNA e analizzò alcuni frammenti ai raggi X scoprendo, nel famoso fotogramma 51, alcune particolarità della doppia elica.

Un suo allievo mostrò, senza il permesso della Franklin, la foto a due scienziati di nome James Watson e Francis Crick  i quali usarono il fotogramma per la base del loro modello del DNA. Vinsero il Nobel nel 1962, 4 anni dopo Rosalind moriva senza riconoscimenti.

Advertisement

8. 1952: Willie Mae Thornton è la vera cantante di "Hound Dog"

No, non è stato Elvis a scrivere Hound Dog. Questo pezzo fu originariamente cantato e scritto da Willie Mae “Big Mama” Thornton. Il Re del Rock ne fece solo una cover con la quale divenne famoso, aprendosi la strada verso il suo successo.

9. 1960: Margaret Keane è la vera pittrice dietro i quadri degli "orfani dagli occhi grandi"

Al momento di mettere i quadri sul mercato, il marito di Margaret, Walter Keane, la convinse che lanciare i dipinti con il nome di lui gli avrebbe fatto fare maggior successo.

Anni dopo Margaret confessò che il marito la minacciò di morte se non avesse mantenuto il segreto. Tutta la storia fu raccontata dopo il divorzio in un'intervista alla radio.

Advertisement

10. 1960: Jocelyn Bell Burnell è la prima persona a osservare le onde radio di una pulsar

immagine: ca.wikipedia.org

Jocelyn aiutò Anthony Hewish e Martin Ryle nella costruzione del radio telescopio che avrebbe dovuto monitorare i quasar. Tuttavia Jocelyn rilevò delle anomalie e le fece notare ai due amici. Dopo vari studi e raccolte dati dedussero che quelle anomalie erano date dalle stelle di neutroni, le pulsar. 

Quando ai due fu consegnato il nobel nel 1974 Jocelyn non fu neanche citata.

11. 1963: Anna Arnold Hedgeman organizzò la marcia su Washington

Anna Arnold Hedgeman fu l'unica donna nell'organizzazione di quella marcia che portò al famosissimo discorso di M. Luther King: "I have a dream" in favore dei diritti degli afroamericani.

Gli organizzatori passarono alla storia come "I grandi sei", ma in quei sei non sono riconosciute Anna o nessun'altra donna.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie