La cannabis arriva nelle farmacie italiane: ecco chi può usarla e come fare per ottenerla - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La cannabis arriva nelle farmacie italiane:…
Abbandona la carriera di avvocato per fare sculture con i Lego: diventa una star internazionale! 12 importanti scoperte archeologiche che hanno cambiato la storia

La cannabis arriva nelle farmacie italiane: ecco chi può usarla e come fare per ottenerla

10 Gennaio 2017 • di Claudia Melucci
17.879
Advertisement

Una ventata di aria nuova investe l'Italia e porta la tanto attesa introduzione della cannabis per scopi medicali: in molti auspicavano da tempo la sua commercializzazione e per una volta sembra che il passo sia stato compiuto veramente. Le prime regioni a concretizzare la vendita sono state Piemonte e Lombardia. Tuttavia per entrarne in possesso bisogna avere le giuste prescrizioni mediche e i requisiti adatti. 

Arrivano nelle farmacie medicinali a base di cannabis prodotta in Italia.

immagine: pixabay.com

La cannabis non viene importata dall'estero ma viene prelevata dallo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, che da anni anni porta avanti attività di ricerca e sviluppo di medicinali cannabinoidi. La cannabis commercializzata dalle farmacie italiane sarà contraddistinta dalla sigla FM-2, dove FM sta per farmaceutico militare e 2 indica invece il numero dei principali cannabinoidi presenti, il THC e il CBD. 

Il THC sarà presente in percentuale tra il 5% e l'8%, mentre il CBD tra l'8% e il 12%. 

Tali medicinali saranno acquistabili dietro prescrizione medica, e la spesa verrà totalmente rimborsata dal Servizio Sanitario Nazionale.

I medici potranno prescrivere l'assunzione di cannabis terapeutica su una ricetta non ripetibile: i pazienti che sono autorizzati ad acquistarla sono coloro che non possono sottoporsi alle terapie convenzionali, o che non ne subiscono l'effetto desiderato. L'impiego di tali medicinali riguarda soprattutto chi soffre di dolore cronico, dovuto a determinate malattie tra cui il tumore, la sclerosi multipla, le lesioni del midollo spinale, o chi presenta nausea e vomito persistenti causati da chemioterapia, radioterapia e terapie per l'HIV. 

La cannabis sotto forma di medicinale può essere anche prescritta per ridurre i movimenti involontari del corpo nella sindrome di  Gilles de la Tourette, per stimolare l'appetito in caso di anoressia nervosa, nei pazienti oncologici o affetti da AIDS.

La distribuzione della cannabis avverrà al prezzo di 6,88 euro, IVA esclusa. 

 Chi deve convivere con particolari effetti collaterali dovuti a terapie o patologie, ora può trovare facilmente disponibile un'alternativa che la scienza ha già da tempo individuato. 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie