Lavora per 3 anni e mezzo con penna ed inchiostro... il risultato è un CAPOLAVORO - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Lavora per 3 anni e mezzo con penna…
Da teneri cuccioli a temibili cani poliziotto: le foto dell'addestramento sono adorabili Il parlamento olandese ha votato: vietato il burka nei luoghi pubblici

Lavora per 3 anni e mezzo con penna ed inchiostro... il risultato è un CAPOLAVORO

29.180
Advertisement

Se vi recate in gallerie d'arte o mostre dedicate a quadri, tavole o disegni, sicuramente potrete immaginare il delicato lavoro che l'artista deve portare avanti per ottenere determinati risultati, ma non arriverete mai a pensare che ci vogliamo oltre 3 anni per finirne uno soltanto!

Ebbene, Manabu Ikeda, un giovane artista giapponese dedito all'esecuzione di preziosi disegni a penna ed inchiostro, ha impiegato ben 3 anni e mezzo per finire il suo capolavoro, intitolato Rebirth. Ma scopriamo di più riguardo l'artista e questa monumentale opera d'arte...

Manabu iniziò a lavorare a Rebirth nel 2013 e da allora è stato su questo disegno 10 ore al giorno per 6 giorni alla settimana.

Nonostante l'impegno e l'immensa quantità di ore di lavoro impiegate, Manabu ci ha messo 3 anni e mezzo per terminare la sua opera.

Advertisement

Il disegno ha delle dimensioni davvero importanti ed imponenti: è una tavola di 3x4 metri circa.

Esso raffigura un albero che ha origine dal massacro causato dai disastri ambientali, circondato dalle onde dello tsunami che si infrangono contro esso.

Ma quello è solo l'aspetto superficiale del disegno: se si guarda più attentamente si noteranno tutti i piccoli particolari di cui è composto.

Tutti i dettagli raffigurati catturano migliaia di storie che si sono svolte proprio durante quegli eventi catastrofici.

"Il mio scopo è esprimere a pieno la mia visione del mondo, ma non disegno in modo intenzionale immagini dettagliate...

... questo perché vedo i dettagli solo quando osservo le cose e non quando mi limito a vedere il tutto in modo superficiale", queste le parole di Manabu al Chazen Museum of Art.

E allora il giovane artista ha dato libero sfogo alla sua visione, tenendo presente terremoto e tsunami che colpirono il Giappone nel 2011.

Ma due cose non mancheranno mai, penna ed inchiostro, definiti da Manabu come "i migliori strumenti da utilizzare".

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie