La vita vince sulla morte: ecco gli alberi che riuscirono a "sconfiggere" la bomba atomica - Curioctopus.it
x
La vita vince sulla morte: ecco gli…
Conservi i pomodori nel frigo? Ecco perché non dovresti farlo È il più grande edificio di fango mai costruito: scoprite la bellezza di questa secolare moschea

La vita vince sulla morte: ecco gli alberi che riuscirono a "sconfiggere" la bomba atomica

24 Ottobre 2016 • di Silvia Ricciardi
6.864
Advertisement

Quell'indimenticabile 6 agosto 1945 una delle bombe atomiche lanciate dagli americani colpiva la città giapponese di Hiroshima, spazzando via circa il 90% della città. Ma nell'orrore e nel caos brandelli di vita sono sopravvissuti alla morte, incarnati negli alberi Hibaku Jumoku (Alberi Sopravvissuti).

Vivi esempi di come la vita riesca sempre a battere la morte, gli Hibaku Jumoku si trovano ancora a Hiroshima, neanche un'esplosione atomica è riuscita ad abbatterli, e noi vogliamo mostrarveli in tutta la loro vitalità.

Molti degli alberi che si erigono fieri oggi furono presenti ad Hiroshima al momento dell'esplosione della bomba atomica.

immagine: Photo Credit

Vi sono alcuni cartelli che attestano come questi alberi siano dei veri e propri "sopravvissuti".

immagine: Photo Credit
Advertisement

Dopo la Guerra, molti alberi furono ripiantati in 55 location, ma comunque all'interno del raggio di 2 km dall'epicentro della bomba.

immagine: Photo Credit

Le piante si sarebbero danneggiate solo nella parte esposta in aria, mentre le radici nel sottosuolo non hanno subito danni diretti.

immagine: Photo Credit

Visto che le radici erano sane, di conseguenza diedero vita a nuovi e rigogliosi alberi.

immagine: Photo Credit
Advertisement

Si contano circa 170 alberi sopravvissuti di 32 specie diverse, ed ora quegli alberi hanno ridato colore a quella città che un tempo era quasi morta.

immagine: Photo Credit
Tags: CuriosiNatura
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie