Ecco l'efficiente sistema di canali sotterranei con cui i persiani riuscivano ad irrigare il deserto - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Ecco l'efficiente sistema di canali…
Questo lago è meraviglioso, ma ciò che si trova sotto le sue acque lo è ancora di più Parli spesso da solo? Ecco perché non dovresti affatto vergognartene

Ecco l'efficiente sistema di canali sotterranei con cui i persiani riuscivano ad irrigare il deserto

10.104
Advertisement

Sin dai tempi primordiali la necessità di disporre di acqua ha spinto l'essere umano a concentrarsi sui modi di scovarla e usufruirne anche negli ambienti più ostili. Per questo motivo l'ingegneria concernente gli impianti di irrigazione è una delle più antiche al mondo. La sua storia nasce nella zona del Medio Oriente molti secoli prima di Cristo e quella di cui vi parliamo oggi è la tecnica escogitata dalla grande cultura persiana nel 1000 a.C.: grandi fori praticati nelle zone più aride dell'attuale Iran che erano in grado di distribuire l'acqua a chilometri di distanza.

All'inizio del I millennio a.C. i persiani diedero avvio alla costruzione di un'imponente sistema d'irrigazione che permise agli agricoltori di disporre di acqua nonostante i lunghi periodi di siccità.

I Qanat, questo il loro nome, sono dei tunnel scavati a mano larghi a sufficienza da ospitare un uomo a lavoro.

immagine: iagua
Advertisement

La lunghezza di un Qanat può raggiungere diverse decine di chilometri e lungo il suo percorso venivano scavati canali verticali a 20-30 metri di distanza l'uno dall'altro

Questo permetteva di rimuovere il materiale scavato sul fondo e di creare un sistema di ventilazione e di ripari per i lavoratori.

immagine: Wikipedia

Il canale sotterraneo principale partiva dagli sbocchi a ventaglio dei corsi d'acqua, solitamente rintracciabili nelle valli montane, e scendeva lievemente verso il basso fino a sbucare nei pressi di una città.

immagine: Unesco.org
Advertisement

Questo ingegnoso metodo, fra l'altro, impediva la dispersione dell'acqua che invece si verifica nei canali aperti a causa di fuoriuscite o evaporazione.

Grazie a questa sua incredibile efficienza, il sistema d'irrigazione dei qanat è tutt'ora in funzione, non solo in Iran (nella città di Gonabad ne sono ancora attivi 37.000), ma anche in altre zone del mondo.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie