Il nostro cervello potrebbe riuscire a controllare facilmente un terzo pollice robotico: lo rivela uno studio - Curioctopus.it
x
Il nostro cervello potrebbe riuscire…
16 case dalle sembianze umane che sembrano guardarci con le espressioni più stravaganti La banca deposita 50 miliardi di dollari sul conto di una famiglia, ma è uno sbaglio

Il nostro cervello potrebbe riuscire a controllare facilmente un terzo pollice robotico: lo rivela uno studio

03 Luglio 2021 • di Irene Grazia Paladino
1.622
Advertisement

Cosa distingue l’essere umano dalle altre specie del mondo animale? Sicuramente molte cose ma, se pensiamo ai nostri antenati, c’è una particolare caratteristica fisica che ci distingue e che ci permette di compiere azioni che gli altri non possono fare: abbiamo due pollici opponibili. Perché è tanto utile il pollice opponibile? Essendo ruotato di 90° rispetto alle altre dita, ha una maggiore libertà di movimento: ci consente infatti di afferrare degli oggetti con molta più facilità. E se fosse possibile avere un terzo pollice opponibile?

Un team di ricercatori dell'University College di Londra ha avviato una sperimentazione: la designer Dani Clode ha creato un “terzo pollice” robotico, e i ricercatori hanno cercato di capire la possibile reazione del cervello umano a dei dispositivi di potenziamento esterni. Hanno scoperto che il cervello si adatta facilmente, e in maniera quasi sorprendente, ad un’appendice tecnologica che non appartiene al corpo.

Il terzo pollice è stampabile in 3D ed è controllato da un cuscinetto a pressione che viene indossato sotto la pianta del piede. Questo pollice si troverebbe sotto il mignolo, e quindi di fronte al nostro pollice naturale. L’esperimento dei ricercatori è stato condotto su 20 soggetti: questi, dopo un addestramento di 5 giorni, hanno imparato ad usare il nuovo pollice, anche a casa nelle normali mansioni quotidiane e per diverse ore al giorno. Ai partecipanti è stato insegnato come utilizzare il pollice robotico per svolgere alcune attività che includessero anche l’uso di altre dita e per testare il loro livello di coordinazione: ad esempio prendendo in mano delle palline o dei bicchieri. Dani Clode ha detto che "Il nostro studio mostra che le persone possono imparare rapidamente a controllare un dispositivo di potenziamento e usarlo a proprio vantaggio, senza pensare troppo. Abbiamo visto che durante l'utilizzo del terzo pollice, le persone hanno cambiato i loro movimenti naturali della mano e hanno anche riferito che il pollice robotico sembrava parte del proprio corpo.”

Advertisement

Ma i test non includevano solo esercizi pratici, bensì anche delle scansioni per monitorare l’attività celebrale dei partecipanti: queste hanno rivelato alcuni piccoli ma comunque importanti cambiamenti nel modo in cui la mano con il pollice robotico era rappresentata nella corteccia sensomotoria del cervello. Una settimana dopo l’esperimento, è stato ripetuto il test e questo ha rivelato che i cambiamenti registrati in precedenza nel cervello erano stati solo temporanei. Ciò dimostra che il cervello si adatta rapidamente alla presenza di dispositivi robotici, ma questi cambiamenti – per essere mantenuti – devono essere prolungati nel tempo.

Questo esperimento si è rivelato importante per i neuroscienziati e per i designer, e potrebbe dare delle indicazioni per la creazione di protesi: queste potrebbero rappresentare uno strumento utile non solo a sostituire una funzione perduta, ma a potenziare le capacità del corpo umano.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie