Il Partenone sotterraneo: l'impressionante sistema anti alluvione della città giapponese di Kasabe è meta dei turisti - Curioctopus.it
x
Il Partenone sotterraneo: l'impressionante…
Queste telecamere super-intelligenti proteggeranno le aquile e gli altri uccelli dalle pale eoliche È stata progettata la Sunflower House: la casa che ruota seguendo il movimento del sole, come un girasole

Il Partenone sotterraneo: l'impressionante sistema anti alluvione della città giapponese di Kasabe è meta dei turisti

03 Febbraio 2021 • di Irene Grazia Paladino
1.612
Advertisement

A Kasukabe, in Giappone, si trova il più grande sistema anti alluvione del mondo. È stato chiamato il “Partenone sotterraneo” ed è costituito da enormi caverne di cemento artificiale che compongono il canale di scarico sotterraneo e che hanno l’obiettivo di proteggere Tokyo e le aree circostanti da inondazioni: un rischio che, secondo gli esperti, sta crescendo. La costruzione del progetto è iniziata nel 1992 ed è stata completata nel 2006. 

A causa dei picchi nelle stagioni delle piogge e dei tifoni, la geografia locale è colpita da grandi eventi di inondazione ogni anno e gli ingegneri hanno pensato quindi ad una soluzione capace di limitare i rischi. L'immensa struttura è composta da pilastri del peso di 500 tonnellate ciascuno che supportano il serbatoio principale di cemento.

Quest’ultimo misura 177 metri di lunghezza e 25,4 metri di altezza. All'interno di questo serbatoio si trovano 78 pompe in grado di trasferire circa 200 tonnellate di acqua nel vicino fiume Edo ogni secondo.

Advertisement
immagine: Dddeco Wikipedia

Durante i periodi di siccità, il serbatoio è diventato una meta turistica. Perché i turisti dovrebbero essere attratti da una struttura sotterranea di cemento che ha l'obiettivo di contenere le alluvioni? Perché il design dei serbatoi dona alla struttura l’aspetto di una maestosa cattedrale. Anche gli ingegneri ne sono attratti, in quanto in molti la considerano una soluzione efficace, e potenzialmente replicabile, al problema delle inondazioni.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie