Questo fotografo ritrae i Nativi americani in affascinanti scatti pieni di orgoglio e resilienza - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questo fotografo ritrae i Nativi americani…
Potenza della genetica: 19 foto di persone nate con caratteristiche uniche e affascinanti 19 tra i personaggi più eccentrici e inquietanti che sono stati immortalati sui mezzi pubblici

Questo fotografo ritrae i Nativi americani in affascinanti scatti pieni di orgoglio e resilienza

06 Dicembre 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
1.289
Advertisement

Il nostro Pianeta è un meraviglioso contenitore di diversità. Non si tratta di una cosa scontata, ma di un aspetto da non sottovalutare mai, perché costituisce una vera ricchezza di cui tutti disponiamo, e dalla quale possiamo imparare e migliorare.

Fanno parte di questa sorprendente diversità tutte le popolazioni e le culture presenti in minoranze sulla Terra, ma che in realtà hanno segnato la storia in modo fondamentale. Proprio come i Nativi americani, popoli indigeni che abitavano il Continente prima della colonizzazione e, nei secoli, vittime di vessazioni e uccisioni per il controllo del territorio. Le loro culture gloriose e millenarie meritano ancora oggi di essere difese e valorizzate. Ne sa qualcosa Craig Varjabedian, talentuoso fotografo che nei suoi ritratti mostra al mondo lo spirito, l'orgoglio e l'identità di queste persone in modo a dir poco profondo.

Quello che fa Varjabedian, noto al mondo per i suoi straordinari scatti, è molto più che "fotografare". I suoi ritratti, infatti, sono delle vere celebrazioni dei popoli che molti anni fa vivevano e prosperavano in America.

Per il suo progetto Native Light Photo Collaboration, Craig lavora a strettissimo contatto con le popolazioni indigene del New Mexico, cercando di rendere noti a tutti gli straordinari volti di queste persone, orgogliosi e profondi nella loro identità.

Advertisement

Tra fotografo e soggetto, così, si instaura un rapporto di collaborazione "paritaria", positivo per tirare fuori il meglio dall'una e dall'altra parte.

Varjabedian, creando fiducia e coltivando la conoscenza delle persone che ritrae, si assicura che possano dare il meglio di sé, valorizzando le loro origini come meritano.

I Nativi, dunque, non sono soggetti "esotici" e "particolari", ma veri e propri collaboratori, che portano al mondo la ricchezza di una "diversità" tutta da (ri)scoprire.

Del resto, Varjabedian spesso ha vissuto sulla sua pelle - e su quella dei suoi familiari - cosa significa sentirsi escluso ed emarginato, dato che i suoi antenati sono stati vittime del genocidio armeno all'inizio del XX secolo.

immagine: Craig Varjabedian

E il lavoro di Native Light è davvero qualcosa che appassiona Craig senza sosta. Il fotografo, infatti, è intenzionato ad arricchire sempre di più il bagaglio fotografico sui Nativi americani.

La connessione con l'identità dei soggetti che ritrae è fondamentale, e tutto ciò è particolarmente visibile dalle sue foto. Gli sguardi di questi uomini, donne e bambini trasudano orgoglio e resilienza.

immagine: Craig Varjabedian

Le foto di Craig sono davvero testimonianze preziosissime e affascinanti di culture che meritano rispetto e attenzione, non trovate?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie