Cosa fare se si viene punti da una medusa: alcuni consigli per godersi il mare in tutta sicurezza - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Cosa fare se si viene punti da una medusa:…
Un ragazzo colora a mano vecchissime fotografie e ci fa vedere alcuni personaggi storici con occhi diversi Una volpe

Cosa fare se si viene punti da una medusa: alcuni consigli per godersi il mare in tutta sicurezza

04 Agosto 2020 • di Marta Mastrogiovanni
2.035
Advertisement

In estate, chi può permetterselo, non perde occasione di andare in vacanza in posti di mare e rilassarsi in spiaggia, tra un bagno e l'altro. Con l'arrivo della bella stagione, infatti, arriva anche il momento dei bagni al mare, l'ideale per rinfrescarsi dal caldo torrido e rilassarsi senza dover pensare al lavoro. Anche in acqua, però, bisogna sempre tenere gli occhi ben aperti se non si vuole entrare in contatto con ospiti indesiderati: le meduse! Questi piccoli invertebrati marini sono diffusi in quasi tutte le acque del Pianeta e per l'essere umano è importante evitare il contatto diretto con i loro tentacoli. Ma cosa fare esattamente in caso di puntura? 

immagine: Pexels

Se vi accorgete di essere stati punti da una medusa, la prima cosa da fare è uscire dall'acqua e mantenere la calma. Una volta individuata la zona lesa, dovete assolutamente evitare di grattarvi o sfregare la cute in quel punto, nonostante il prurito. Se si tratta di una puntura di lieve entità potete procedere sciacquando la cute con abbondante acqua di mare; è importante non utilizzare acqua minerale in questi casi in quanto la differenza di concentrazione osmotica potrebbe indurre le nematocisti (delle strutture che si trovano sui tentacoli delle meduse e che, se stimolate, hanno il compito di iniettare il veleno) a rilasciare ulteriore veleno. Se vi state facendo aiutare da qualcuno, è altrettanto importante che non compia alcuna manovra a mani nude, se non vuole vivere la stessa esperienza dolorosa che state provando voi.

immagine: Pikist

Bisogna rimuovere qualsiasi residuo di tentacoli che possa essere rimasto aggrappato alla cute (non fatelo a mani nude!). A questo punto, per alleviare il prurito e il dolore, possiamo applicare una crema gel astringente al cloruro di alluminio. Non commettete l'errore di prendere antistaminici o creme al cortisone o, peggio ancora, cospargere la ferita di ammoniaca o di urina: sarà tutto inutile! Una volta che il dolore è passato, si possono utilizzare alcuni rimedi naturali come, ad esempio, acqua e bicarbonato per disinfettare la cute, la calendula o l'aloe vera che, grazie alle sue proprietà cicatrizzanti e antibatteriche, aiuta la ferita a rimarginarsi più in fretta. In caso di puntura, comunque, è bene rispettare i tempi di guarigione e non esporsi al sole. Se, invece, i sintomi dopo la puntura di medusa dovessero essere molto più forti (spasmi muscolari, febbre, vomito) bisogna contattare subito il pronto soccorso.

Seguendo queste poche e semplici regole dovreste essere in grado di trascorrere un'estate serena, all'insegna del relax!

Tags: MareUtiliSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie