Un fotografo riesce a immortalare uno scoiattolo che "lotta" contro il vento con il suo ombrello in miniatura - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un fotografo riesce a immortalare uno…
Una ragazza ha immortalato il suo bellissimo gatto nelle pose più curiose, rendendolo una vera star del web Flippy, il robot che cucina gli hamburger nei ristoranti e rimpiazza il lavoro umano per soli 3$ l'ora

Un fotografo riesce a immortalare uno scoiattolo che "lotta" contro il vento con il suo ombrello in miniatura

02 Marzo 2020 • di Marco Renzi
1.713
Advertisement

La diffusione delle app e dei programmi di fotoritocco ci ha portati a dubitare fortemente di qualsiasi immagine ci capiti davanti agli occhi, sospettando che non sia reale ma frutto di una qualche sorta di elaborazione. Questo atteggiamento, a ben vedere, non è poi così fuori luogo: non di rado le foto vengono manipolate per rendere più appetibili sui social e suscitare scalpore.

Questo però non è proprio il caso delle immagini di Max Ellis, un fotografo di 47 anni che vive a Teddington nel Regno Unito: le sue foto di scoiattoli sono reali e sono state ottenute grazie ad ore ed ore di appostamenti e di sapiente utilizzo degli oggetti "di scena".

Il fotografo ha una grande passione per gli animali ed un innegabile talento nel fotografarli, ma c'è uno dei suoi progetti che si distingue dagli altri per la ricercatezza dei dettagli. La serie fotografica si chiama appunto "Squirrelisimo’, e comprende foto di scoiattoli intenti a fare le cose più diverse e più strambe come sollevare pesi o scolpire zucche.

La passione per questi piccoli roditori è nata circa 10 anni fa: Ellis aveva notato che i piccoli e curiosi mammiferi erano attratti da qualsiasi oggetto lui lasciasse in giardino, anche fosse un semplice bicchiere. Così si rese conto che dalla loro interazione con quegli oggetti potevano nascere scatti originali e adorabili.

Advertisement

Ellis utilizza di solito del filo da pesca per mettere in posizione gli oggetti che vuole fotografare, poi cosparge il terreno intorno con delle leccornie come noci e nocciole ed attende che arrivino gli scoiattoli. Insomma, lascia principalmente che siano loro a fare tutto da soli, e questo rende gli scatti irripetibili e molto naturali, ma anche imprevedibili: a volte può impiegare giorni e giorni per catturare la posizione giusta!

All'interno di "Squirrellismo", uno scatto in particolare ha attirato l'attenzione del pubblico, forse perché riassume bene una scena con cui gli inglesi fanno i conti per gran parte dell'anno: si tratta di un roditore che, in una giornata grigia e piovosa, sembra lottare contro il vento con il suo ombrello viola. La scena, come le altre, è totalmente reale: Ellis lascia spesso gli ombrellini appesi nelle giornate piovose, e gli scoiattoli vanno di buon grado a ripararcisi sotto. Così, giorno dopo giorno, finiscono per assumere la posa perfetta.

Moltissime persone ovviamente hanno pensato che le foto fossero solo il risultato di un abile fotoritocco, ma Ellis ci tiene a far sapere che utilizza i programmi di post-produzione principalmente per eliminare elementi di distrazione, come ad esempio i fili che sostengono gli oggetti.

Advertisement

Ormai c'è un gruppo solido di scoiattoli (soprattutto gli adulti, perché i giovani sono più sospettosi) che frequenta abitualmente il giardino del fotografo e gioca con gli oggetti he lui lascia a disposizione, perciò la serie fotografica è in costante evoluzione.

Inoltre molti ammiratori, affascinati dalla dedizione di Ellis, hanno iniziato ad inviargli piccoli oggetti, spesso realizzati a mano, con l'augurio che possano diventare le scenografie per le future immagini.

Insomma, questi simpatici roditori senza saperlo sono diventati delle piccole star, grazie alla loro incontenibile curiosità ma anche grazie alla pazienza e alla forza di volontà di un fotografo innamorato della Natura.

Advertisement

Non dimenticate di visitare il canale Instagram di Max Ellis (junkyardmax) e il suo sito maxphotographic.com!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie