Per la prima volta sono stati trapiantati in un cuore umano muscoli cardiaci ottenuti da cellule staminali - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Per la prima volta sono stati trapiantati…
Questo artista italiano realizza sculture in legno che sembrano più reali di una fotografia Una tartaruga salvata in mare ha continuato ad espellere plastica per settimane

Per la prima volta sono stati trapiantati in un cuore umano muscoli cardiaci ottenuti da cellule staminali

29 Gennaio 2020 • di Claudia Melucci
3.166
Advertisement

I ricercatori dell'Università giapponese di Osaka hanno dato notizia di un intervento al cuore unico nel suo genere. I medici, infatti, sono riusciti ad evitare ad un paziente il trapianto di cuore, agendo direttamente sulle cellule del suo cuore che creavano il problema. Ci sono riusciti creando un muscolo cardiaco in laboratorio, a partire dalle cellule staminali del paziente stesso. È la prima volta che il tessuto ottenuto in laboratorio viene trasferito su una persona viva.

immagine: pixnio

I ricercatori giapponesi hanno posizionato dei fogli degradabili contenenti le cellule del tessuto cardiaco cresciute in laboratorio sull'area del cuore danneggiata. L'operazione ha avuto l'effetto sperato, infatti è riuscita ad eliminare la necessità di un trapianto totale del cuore.

Il paziente era affetto da cardiopatia ischemica, una condizione in cui i muscoli del cuore non ricevono sangue a sufficienza. I nuovi tessuti cardiaci posizionati sull'area danneggiata elaboreranno una proteina che riparerà i vasi sanguigni, in modo da ripristinare il corretto funzionamento del cuore.

Le cellule alla base del tessuto creato in laboratorio sono state prodotte da cellule indotte pluripotenti: in breve, i ricercatori hanno prelevato delle cellule dalla pelle e dal sangue del paziente e le hanno riportate ad uno stato embrionale pluripotente, ottenendo così cellule staminali pluripotenti indotte.

La tecnica apre le porte a scenari tutti nuovi per la chirurgia, permettendo potenzialmente di evitare i trapianti di organi. L'operazione ha il primato di essere stata la prima volta che un tessuto cardiaco creato in laboratorio viene introdotto in un paziente vivo, e con successo.

In futuro questa tecnica potrebbe evitare molti trapianti e quindi tutte le complicazioni che derivano dall'introduzione di un organo appartenente ad un altro essere vivente.

Tags: SaluteMedicina
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie