Gli incendi in Australia hanno fatto riemergere un sistema acquatico più antico delle piramidi egizie - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Gli incendi in Australia hanno fatto…
In Usa esistono delle piccolissime abitazioni in legno che sembrano uscite da una fiaba gotica Secondo le statistiche, molte persone hanno chiesto a Google se il Coronavirus fosse collegato alla birra Corona

Gli incendi in Australia hanno fatto riemergere un sistema acquatico più antico delle piramidi egizie

30 Gennaio 2020 • di Claudia Melucci
9.176
Advertisement

L'Australia è stata letteralmente rasa al suolo dai devastanti incendi che ha vissuto per mesi. L'assenza di alberi e piante dà una visione del territorio completamente diversa, lasciando scoprire ciò che una volta era coperto da vegetazione.

È così che sono state scoperte delle costruzioni umane antichissime nel sud-est dell'Australia, realizzate dalla popolazione indigena degli Gunditjmara. Secondo l'UNESCO si tratta di opere risalenti a oltre sei millenni fa, ovvero antecedenti alle piramidi egizie. 

immagine: UNESCO

Il nuovo sito archeologico è stato scoperto a seguito degli incendi che hanno devastato la zona a sud dell'odierno stato di Victoria, un tempo popolato dagli Gunditjmara. Le costruzioni che l'assenza di vegetazione ha rivelato sono piscine e canali costruiti utilizzando la lava raffreddata, utilizzati per l'acquacoltura. L'acquacoltura permise alla popolazione indigena di sviluppare sistemi economici e sociali per sei millenni.

immagine: UNESCO

Costruendo canali e pozze, l'antica tribù riusciva a direzionare l'acqua in modo da convogliare, intrappolare e pescare le anguille. Il sito è un'estensione di quello che è già stato riconosciuto come patrimonio dell'UNESCO, il sistema di acquacoltura di Budj Bim.

Budj Bim è un vulcano spento, che nella lingua indigena significa "a testa alta"; è proprio dalla lava del vulcano che la tribù prese la materia prima per la costruzione del sistema di canali e pozze.

Advertisement
immagine: UNESCO

La nuova parte del sito archeologico è rimasta sconosciuta finora a causa della vegetazione che ricopriva interamente l'area. La popolazione dei Gunditjmara rimase numerosa fino all'insediamento europeo nel territorio; nei primi anni del 1800 subì una importante diminuzione. 

Alcune parti del sito sono state datate a 6.600 anni fa, che significa che sono antecedenti alle piramidi egizie.

immagine: UNESCO

Purtroppo il fatto che nuovi canali e pozze siano state scoperte non sminuisce la drammaticità di ciò che è avvenuto nel continente australiano. Il numero di animali scomparsi tra le fiamme e le ripercussioni sull'ambiente sono infinitamente più rilevanti.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie