Le trappole fotografiche rivelano una fiorente attività animale nella zona rossa di Chernobyl - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Le trappole fotografiche rivelano una…
I coloni europei sterminarono così tanti indigeni americani da causare un raffreddamento del pianeta, afferma una ricerca 24 immagini feroci che testimoniano la titanica ondata di freddo che ha investito il nostro pianeta

Le trappole fotografiche rivelano una fiorente attività animale nella zona rossa di Chernobyl

14 Febbraio 2019 • di Marco Renzi
11.854
Advertisement

Il disastro nucleare di Chernobyl, oltre ad aver lasciato una ferita profonda nella vita e nella memoria di milioni di persone, ha anche provocato la devastazione di una grande area dell'Ucraina settentrionale (all'epoca parte dell'URSS). Dal 1986 la regione circostante alla centrale esplosa è stata abbandonata, sancendo la nascita di quella che viene definita la "zona di esclusione".

Da allora pochi sono stati i temerari che si sono avventurati al suo interno, ma ogni volta – in particolare negli ultimi anni – le rilevazioni sono state sorprendenti, soprattutto a livello faunistico.

immagine: UGA - Università della Georgia

Già nel 2015 infatti tutti i principali media naturalistici avevano esultato comunicando la presenza di floride comunità di alci, cinghiali, caprioli e lupi all'interno della zona di esclusione, ma oggi quelle notizie si arricchiscono grazie a nuove documentazioni fotografiche.

Gli studiosi hanno piazzato delle trappole fotografiche presso le acque aperte del fiume Pripyat e nei vicini canali di irrigazione, mettendovi di fronte dei pesci offerti come esca. L'attesa e il lavoro hanno dato i loro frutti: entro una settimana, il 98% delle carcasse di pesce sono state consumate da predatori e spazzini di mote specie diverse.

Sono state individuate in particolare 15 specie (5 uccelli e 10 mammiferi), tra cui la lontra, la volpe rossa, il visone, la ghiandaia e l'aquila dalla coda bianca.

Insomma, anche se quella zona di 2.500 kmq sarà sempre collegata ad un disastro tra i più feroci della storia, sembra che la natura stia lentamente "dimenticando" il passato per tornare ad un futuro rigoglioso di vita.

Tags: AnimaliNatura
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie