Kokedama, la tecnica di giardinaggio giapponese facile da copiare - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Kokedama, la tecnica di giardinaggio…
La Vergine Velata: l'opera in cui il marmo acquisisce una straordinaria leggerezza, realizzata da uno scultore italiano La regola dei 2 minuti è il modo più semplice per abbattere la resistenza che proviamo davanti alle cose difficili

Kokedama, la tecnica di giardinaggio giapponese facile da copiare

3.536
Advertisement

L'arte del giardino giapponese ha una lunga storia, ed è una delle espressioni distintive della cultura del Sol Levante, che nel tempo ha dedicato molta attenzione alla cura delle piante, dando vita a vere e proprie creazioni e tecniche di giardinaggio. Una di queste è il Kokedama, un originalissimo metodo di coltivazione nato in Giappone intorno al 1600. Parente stretto del bonsai – da cui deriva – si distingue da esso per una caratteristica che spicca al primo sguardo: l'assenza di vaso.

Il termine deriva dal giapponese "koke" = muschio e "kama" = palla, ed esprime in maniera sintetica ed efficace la peculiarità di questa tecnica: una palla di fango e muschio, su cui si possono innestare arbusti vari – alberi, fiori, piante. Il fango utilizzato per il kokedama si chiama ketotsuchi ed è scuro, acido, dall'aspetto paludoso.

Il kokedama è un oggetto decorativo d'effetto, ma armonico con l'ambiente circostante. Può essere appeso ad una parete o poggiato a terra o su un tavolo: date le dimensioni modeste occuperà pochissimo spazio, caratteristica che ne fa la pianta ideale per interni.

Si può acquistare presso i negozi di piante, oppure farne uno: il procedimento è semplice, e aiuta a rilassarsi. Infatti, la sua realizzazione è assimilabile ad un rituale, e per questo è usato anche a scopo terapeutico; inoltre – come ogni altra pianta – purifica l'ambiente riduce lo stress e migliora l'umore.

Advertisement

La maggior parte delle piante può essere utilizzata per realizzare un kokedama; tuttavia ve ne sono alcune raccomandate, soprattutto perché più resistenti e durevoli. Si tratta di:

  • cintas: con le loro foglie lunghe e sottili, sono ottime da appendere;
  • edera: in quanto pianta rampicante, può essere appesa ed utilizzata sia al chiuso che all'aperto;
  • piante grasse: non necessitano di molta acqua né di cure continue, quindi sono molto adatte per il kokedama;
  • felce: è molto decorativa ed elegante, da interni.

Cosa aspettate a realizzarne subito uno per la vostra casa?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie