La lavanda è il profumo che dissolve l'ansia: lo scoprono dei ricercatori giapponesi - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La lavanda è il profumo che dissolve…
Somatizzare un dispiacere: ecco perché avviene e quali sono i disturbi più comuni Le persone ansiose sono anche più intelligenti: un esperimento rivela il curioso legame

La lavanda è il profumo che dissolve l'ansia: lo scoprono dei ricercatori giapponesi

5.516
Advertisement

Ognuno di noi ha una fragranza preferita che provoca un senso di rilassatezza e serenità, il più delle volte perché collegata a ricordi piacevoli. Se è la profumazione di lavanda quella che privilegiate, la scienza ha delle notizie in serbo per voi.

Un gruppo di scienziati della Kagoshima University ha scoperto che la lavanda contiene una sostanza, il linalolo, che ha un effetto simile a quello che producono gli ansiolitici a base di benzodiazepine. L'effetto, però, è efficace solo se inalato. 

Il fatto che numerosi estratti di piante abbiano un effetto equivalente, seppure in misura minore, a quello dei farmaci era noto alla medicina; solo che la medicina moderna, a detta dei ricercatori giapponesi, ha deliberatamente trascurato la possibilità di usufruire di ciò che mette a disposizione la natura per il benessere dell'essere umano.

La lavanda ha proprietà ansiolitiche e potrebbe anche essere usata come alternativa ai farmaci contro l'ansia, nei casi in cui la loro somministrazione fosse pericolosa o non possibile. Odorarla induce uno stato di rilassamento profondo, che i ricercatori hanno provato a livello neuronale.

Ciò che di curioso è emerso dalla ricerca è il fatto che il linalolo apporta benefici solo se inalato, e non quando viene somministrato per vie diverse, ad esempio endovenosa. Il rilassamento dei topi da laboratorio si è avuto solo quando questi venivano esposti a vapori di linalolo.

Gli studiosi dell'università giapponese pensano a possibili risvolti clinici della scoperta: i vapori di linalolo potrebbero essere impiegati in fase di preanestesia nei casi in cui il ricorso agli ansiolitici risulti sconsigliato, oppure quando l'iniezione del farmaco non sia possibile – nel caso di neonati o anziani agitati, ad esempio.

Oltre all'impiego clinico, possiamo sfruttare i risultati della ricerca anche nelle nostre case: utilizzare una fragranza alla lavanda è un modo per rendere rilassante gli ambienti, oppure si può pensare di utilizzarla solo nei momenti dedicati al completo relax. Ancora meglio se il profumo di lavanda provenisse da una pianta o dai fiori essiccati e non da liquidi chimici! 

Source:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie