Destinazione Corea del Nord: un fotografo ci offre un raro scorcio di questo misterioso paese - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Destinazione Corea del Nord: un fotografo…
La leggenda di Colapesce: il primo eroe siciliano che trasse in salvo la sua patria 7 ragioni scientifiche per cui dovresti fare qualcosa di artistico, anche se pensi di essere negato

Destinazione Corea del Nord: un fotografo ci offre un raro scorcio di questo misterioso paese

02 Giugno 2018 • di Giulia Bertoni
16.741
Advertisement

Visitare la Corea del Nord non è qualcosa di impossibile, ma qualcosa di difficile sicuramente sì: le regole per le persone che riescono a ottenere un visto turistico sono davvero tante e anche una volta giunti a Pyongyang (si può accedere al paese solo per via aerea con atterraggio nella capitale, oppure via treno da Pechino), cogliere la vera essenza del paese e delle persone che lo abitano rimane un'impresa ardua, realizzabile solo comprendendo che molto di ciò che si vede è lì per esplicita volontà delle autorità.
Il fotografo Michal Huniewicz ha avuto l'opportunità di visitare la Corea del Nord nel 2016 e sul suo blog mostra gli scatti di questa particolare realtà, non mancando di darci qualche informazione sul contesto, con tono serio al momento del bisogno ma anche con riferimenti ironici che spezzano la tensione del momento vissuto: il suo reportage non vi lascerà indifferenti.

"La prima sera abbiamo cenato nel ristorante dell'albergo. La cameriera sembrava molto tesa. Noi del gruppo (eravamo sette persone) ci chiedevamo se ci fossero delle microspie e se ci potessimo fidare l'uno dell'altro".

immagine: Michal Huniewicz

"Devi essere veloce: il nostro autista sapeva cosa valeva la pena mostrare - e allora rallentava - e cosa invece bisognava evitare che fotografassimo - e quindi accelerava. Uno di noi disse che scattare foto in Corea del Nord è un po' come fare il tiro con l'arco".

immagine: Michal Huniewicz
Advertisement

Operai a lavoro.

immagine: Michal Huniewicz

"Una foto scattata nei dieci secondi scarsi in cui le nostre due guide si sono distratte: questa parte della città non doveva essere vista dal nostro gruppo. Quando la guida si è accorta di essersi rilassata troppo, il clima si è fatto subito più teso".

immagine: Michal Huniewicz
Advertisement

"Questo è il treno che da Pechino ti porta a Pyongyang, dove, al tuo arrivo, devi passare per i rigidissimi controlli della dogana".

immagine: Michal Huniewicz
immagine: Michal Huniewicz
Advertisement

"Quando è stata l'ultima volta che avete visto dei giovani occidentali pulire qualcosa? A proposito, la statua a sinistra raffigura soldati nordcoreani che camminano su una bandiera americana..."

immagine: Michal Huniewicz

"Agli americani presenti nel mio gruppo è stato chiesto di depositare dei fiori e inchinarsi davanti al monumento che ricorda la vittoria della Corea del Nord contro gli USA e la Corea del Sud".

Advertisement
immagine: Michal Huniewicz
immagine: Michal Huniewicz
immagine: Michal Huniewicz
immagine: Michal Huniewicz

"Il nostro viaggio si è svolto sotto lo sguardo di diverse 'guide': ogni nostra tappa era controllata da diverse persone, tutte pronte ad accertarsi che non ci allontanassimo dai luoghi designati per le visite".

immagine: Michal Huniewicz

"Solo un gruppo di abitanti felici che eseguono spontaneamente una danza tradizionale, ci è stato riferito....".

"Un simpatico negozio che, fra le altre cose, vendeva cartoline che inneggiano alla distruzione dell'America".

"Giovani nordcoreani in marcia verso piazza Kim Il-sung per celebrare l'indipendenza del paese dal Giappone".

immagine: Michal Huniewicz

Potete trovare ulteriori scatti di questo viaggio del fotografo Michal Huniewicz qui e qui.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie